Tu sei qui

MotoGP, Iannone wingman: Spidi mette le ali alla tuta

FOTO - L'azienda italiana sta sperimentando un'appendice areodimanica applicata alla gobba sulla schiena del pilota

MotoGP: Iannone wingman: Spidi mette le ali alla tuta

Share


Alette, spoiler, appendici, l’aerodinamica da qualche anno a questa parte ha fatto il suo ingresso in MotoGP, non senza qualche polemica. Sulle carene delle moto gli ingegneri si sono sbizzarriti, ispirandosi al mondo delle auto dove ogni superficie è oggetto di a dir poco accurati studi.

Per il momento, solo le moto erano state oggetto di tante attenzioni, ma Spidi ha deciso di sperimentare qualcosa di diverso dal solito. Da tempo le aziende produttrici di abbigliamento studiano con cura anche l’aerodinamicità dei loro capi (con gobbe sulle tutte e profili sui casci) ma fino a ora nessuno aveva pensato di mettere un’ala.

Spidi ci ha provato e Andrea Iannone ha fatto da collaudatore. Come potete vedere dalla ricca galleria di immagini, si tratta di un vero e proprio spoiler applicato sopra la gobba, e al suo interno si possono chiaramente vedere due altri profili. La loro funzione è quella di migliorare il flusso dell’aria che investe il pilota e, quindi, il coefficiente aerodinamico

Si tratta di un’innovazione senza dubbio interessante e che potrebbe aprire la strada a una nuova evoluzione dell’abbigliamento tecnico. Per il momento, però, si tratta solo di un esperimento e Iannone non userà la nuova tuta in gara.

Anche perché sotto questo punto di vista il regolamento è abbastanza fumoso, infatti prevede i materiali in cui devo essere realizzate e i requisiti minimi di resistenza per essere omologata ma non vieta espressamente di posizionare delle appendici. Al Technical Director, Danny Aldridge, tocca l’ultima parola. Facile prevedere che dovrà presto preoccuparsi anche di questo tema.

Share

Articoli che potrebbero interessarti