Tu sei qui

Honda come Porsche: alette mobili sulla prossima Fireblade?

Soluzione adottata in campo auto ed introdotta su strada dal costruttore tedesco sulla 911. La casa di Tokyo porta al debutto ali adattative sulla nuova CBR 1000RR

News Prodotto: Honda come Porsche: alette mobili sulla prossima Fireblade?

Share


Aerodinamica adattiva. Alcuni disegni relativi ad un brevetto depositato da Honda anticipano quello che potremmo vedere in questo autunno sulla nuova CBR 1000 RR. Ormai si sa da tempo l'arrivo del nuovo modello di supersportiva Honda, ma cosa hanno in serbo i tecnici di Tokyo al momento è solo affidato alle ipotesi più disparate.

Le linee più marcate mostrano la posizione delle ali all'interno dei fianchi della carena


In rete intanto sbucano dei disegni che, se da un lato anticipano le possibili linee della imminente Fireblade, dall'altro mostrano una novità interessante sul fronte della aerodinamica. Ducati ed Aprilia giocano la carta delle 'winglets' ? Honda va oltre introducendo l'aerodinamica attiva anche per le due ruote. Parliamo ovviamente di prodotto di serie.

I disegni mostrano un brevetto riguardante alette mobili inserite all'interno della carenatura a doppio strato. E' una soluzione di ala di tipo "a scomparsa" che sotto l'azione di un semplice tirante alettroattuato, aumenta o diminuisce, a seconda della velocità o se si è in curva o in rettilineo, l'area di incidenza dell'ala. In questo modo si genera più o meno carico sull'avantreno evitando di perdere cavalli in rettilineo e, di contro, aiutando l'aderenza in curva. Un sistema di aerodinamica attiva molto ingegnoso e che fa il debutto sulle due ruote.
In campo auto è da tempo molto diffuso sui prodotti sportivi con Porsche che tra le prime introdusse questo concetto con la mitica 911 ed il suo spoiler retrattile. Soluzione che però nelle corse è vietata, quindi sarà presumibilmente adottata per migliorare le performance su strada con vantaggi sul feeling di guida. A Tokyo evidentemente, memori dei famosi 'fori di scarico' presenti sulla carena e sui lati del mascherino della prima CBR 900 Fireblade del 1992, hanno cercato il colpo a sorpresa anche su questo nuova 1000.

Nella foto lo schema delle appendici mobili e dei rispettivi tiranti

Quello che si nota dai disegni è anche una linea di una moto totalmente inedita e molto somigliante alla RC213V di Marc Marquez, e che potrebbe essere davvero quella della nuova CBR 1000 RR con motore 4 in linea che in molti attendono come arma del riscatto tra le derivate di serie.

Share

Articoli che potrebbero interessarti