Tu sei qui

MotoGP, Lorenzo The Revenant: “Servirà tempo per essere veloce”

A Silverstone il maiorchino ritrova la Honda dopo un calvario durato quasi due mesi: “Volevo tornare prima, ma non è stato possibile”

MotoGP: Lorenzo The Revenant: “Servirà tempo per essere veloce”

Sono trascorsi quasi due mesi da quel 28 giugno, quando nel corso delle FP1 di Assen Jorge Lorenzo finì a terra rimediando la frattura della sesta vertebra dorsale. Lo spagnolo ancora non lo sapeva, ma quello era soltanto l’inizio del suo calvario. L’infortunio costrinse infatti il 99 a saltare il Gran Premio d’Olanda e in seguito a utilizzare un busto che potesse ovviare al problema per recuperare la naturale forma fisica.

Un grattacapo non da poco per Jorge, i cui tempi di recupero prevedevano inizialmente il suo ritorno in pista per il primo appuntamento dopo la pausa estiva, ovvero quello di inizio agosto a Brno, saltando così il Sachsenring. Si trattava però di un’illusione, dato che la convalescenza risultò più lunga del previsto, tanto da cambiare i piani del recupero. Il 99 si ritrovò quindi a dover saltare per precauzione pure le tappe di Repubblica Ceca e Austria, dando appuntamento al round di fine settembre a Silverstone.

Nel frattempo non sono mancati dubbi e polemiche riguardo il suo futuro. C’è chi vociferava di un ritiro a fine Campionato, chi addirittura pensava non tornasse nemmeno più in pista dopo quella caduta al TT. In ultimo, in occasione del weekend del Red Bull Ring, ecco addirittura emergere la clamorosa notizia di mercato legata a un ritorno in Ducati con la Rossa del team Pramac. Tra le tante voci, l’unica certezza è che questo weekend sarà in azione sulla pista di Silverstone e con ogni probabilità nel 2020 cavalcherà la Honda al fianco di Marc Marquez.

Fino ad oggi il matrimonio con la giapponese non è ancora sbocciato, ma il 99 non intende arrendersi, consapevole delle difficoltà che lo attendono: “È passato tanto tempo dal fine settimana di Assen – ha ricordato – mi sarebbe piaciuto tornare prima in pista, ma l’infortunio mi ha costretto a prendere più tempo per me stesso”.

In questi due mesi Lorenzo non si è mai arreso: “Mentre ero lontano dai circuiti ho lavorato duramente per essere pronto in vista di Silverstone – ha commentato il 99 – so che ci vorrà del tempo per essere nuovamente veloce. Sono comunque felice di ritrovare tutto il team e proseguire insieme il lavoro per migliorare e poter raggiungere i risultati”.

In Gran Bretagna Lorenzo ritroverà anche Marc Marquez, reduce dal secondo posto di due settimane fa al Red Bull Ring: “In passato siamo stati un po’ sfortunati su questo tracciato – ha ammesso il sette volte iridato – quest’anno però siamo riusciti a dimostrare di essere competitivi  anche su quelle piste dove nelle ultime stagioni faticavamo. Vedremo inoltre quelle che saranno le condizioni dell’asfalto, che in passato presentava diversi avvallamenti, così come il meteo”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti