Tu sei qui

MotoGP, Joan Mir salterà il GP di Silverstone, ma sarà a Misano per i test

I medici hanno consigliato al pilota spagnolo di continuare il recupero dopo l'incidente nei test di Brno, la prossima settima potrà salire sulla Suzuki. Guintoli il sostituto in Gran Bretagna

MotoGP: Joan Mir salterà il GP di Silverstone, ma sarà a Misano per i test

Joan Mir non parteciperà al Gran Premio di Gran Bretagna in programma domenica sul circuito di Silverstone. Il pilota spagnolo era stato vittima di un incidente nei test di Brno che lo aveva costretto a saltare il GP d'Austria e a un periodo di convalescenza di due settimane.

La sua presenza in Inghilterra è stata esclusa in quanto non è stato in grado di recuperare al 100% dalla contusione polmonare, a questo si aggiunge una sensazione di debolezza generale dovuta alla mancanza di allenamento dopo l'incidente.

La decisione è stata presa di comune accordo dal pilota, dai medici del team di medicina interna dell'Ospedale Universitario Dexeus di Barcellona guidato da Ángel Charte (Direttore Medico del Campionato del Mondo MotoGP), e dal team Suzuki.

Una nuova serie di controlli presso l'ospedale, tra cui una serie di test radiologici, sono stati effettuati per determinare il livello di coinvolgimento del polmone. Nonostante gli esami abbiano dato esiti positivi e la salute generale di Mir sia abbastanza buona, i medici, per precauzione, hanno consigliato al pilota di non avere fretta di tornare e di iniziare invece normalmente l'allenamento per migliorare la propria condizione fisica e poter così partecipare al prossimo Gran Premio in condizioni fisiche migliori.

A seguito di una valutazione della situazione fisica di Mir, ha detto il dottor. Angel Charte ha dichiarato: “dopo gli esami che abbiamo effettuato, abbiamo rilevato alcuni residui nel polmone e, per sicurezza, pensiamo che la cosa migliore sia che recuperi al 100% prima di tornare a correre“.

Joan è tornato a casa, dove potrà iniziare la riabilitazione attiva. "Ora deve recuperare la capacità polmonare e rafforzare la sua condizione generale dopo diverse settimane di inattività. Per fare questo può iniziare a camminare, correre, fare alcuni esercizi in montagna e iniziare con  l’allenamento in moto ma moderazione", ha aggiunto il medico.

Il team Suzuki, a Silverstone, sostituirà il pilota di Maiorca con il collaudatore Sylvain Guintoli, impegnato in questi giorni in un test ufficiale presso il circuito finlandese di Kymiring vicino a Kouvola.

Il team manager Davide Brivio ha commentato: “è un grande peccato che Joan debba perdere anche la gara di Silverstone, ma riteniamo che sia molto importante per lui recuperare completamente e tornare ad essere in forma al 100%. Dopo avere parlato con i medici, abbiamo deciso insieme che perderà il Gran Premio di Gran Bretagna ma potrà tornare in sella alla sua moto la prossima settimana. Il test di Misano sarà un'ottima occasione per lui per verificare le sue condizioni fisiche e riprendere con calma. Quel test sarà anche un'occasione d'oro per prepararsi al prossimo GP, e poi speriamo che per il weekend di Misano avremo Joan al 100% e pronto a riprendere la sua stagione. Per questo motivo il nostro collaudatore, Sylvain Guintoli, attualmente in Finlandia per un test, sostituirà Joan e cercheremo di utilizzare questo weekend per ottenere informazioni molto preziose".

Joan Mir ha dichiarato: “alla fine non sono in grado di essere a Silverstone per la prossima gara ed è un vero peccato, ma le cose stanno così, e la priorità deve essere la mia salute. Dopo l'incidente ho passato diverse settimane di riposo, prima in ospedale e poi a casa. Ho iniziato a camminare, ma dopo gli esami sembra che io non sia ancora al 100%, quindi i medici hanno stabilito che è meglio continuare la mia riabilitazione. Comincerò a fare un po' di allenamento in modo da poter arrivare alla prossima gara in forma fisica migliore e non dover prendere troppi rischi. Vorrei ringraziare le persone che mi sono accanto e che si prendono cura di me, la mia squadra Suzuki per la loro preoccupazione e le migliaia di tifosi che mi hanno incoraggiato in tutti questi giorni e che mi hanno dimostrato un affetto enorme. A presto!".

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti