KTM si ritira dalla Moto2 e punta tutto su MotoGP e Moto3

La Casa austriaca rimarrà nella classe regina fino al 2026 e il marchio Husqvarna ritornerà il prossimo anno nel motomondiale

Share


KTM dice addio alla Moto2 e dal prossimo anno non fornirà più i suoi telai nella classe intermedia. L'azienda austriaca ha rivisto i suoi programmi e ha deciso di puntare tutto su MotoGP e Moto3. Nella classe regina ha rinnovato il suo impegno fino al 2026, quindi rimarrà sicuramente per altri 7 anni. La classe cadetta è poi sempre stata strategica per KTM e continuerà ad esserlo.

Ad avere la peggio, quindi, è stato il progetto Moto2 (iniziato nel 2017) e giunto al capolinea, dopo avere incontrato difficoltà nella stagione in corso.

L'ultima novità è il rientro del marchio Husqvarna in Moto3.

Stefan Pierer, CEO di KTM, spiega i progetti futuri: "abbiamo preso la decisione di restare in MotoGP e impegnarci in altri cinque anni. Questo fa parte di una visione strategica più ampia e ora abbiamo sette anni per salire al vertice della classe, lo stesso periodo di tempo che è stato necessario per vincere la Dakar. Sappiamo di essere sulla strada giusta e di aver fatto buoni passi avanti in meno di tre anni”.

In questa prospettiva vogliamo dare impulso alla Moto3: per noi è il fondamento e la base  - continua - È dove abbiamo iniziato e dove siamo uno dei marchi leader. Vediamo un'ottima occasione per riportare Husqvarna con forza; ci sarà una nuova moto e prenderemo una direzione speciale con questo progetto. Tutto questo significa che metteremo insieme le nostre risorse ed energie e di conseguenza usciremo dalla Moto2".

Pit Beirer, Direttore Motorsport di KTM, ha aggiunto: "prima di tutto è fantastico per noi continuare a rimanere in a tutto gas come azienda in MotoGP ed essere in grado di continuare a spingere per raggiungere i nostri obiettivi. Con la nostra esperienza in più di trecento campionati del mondo in così tante classi conosciamo gli ingredienti per avere successo nelle corse e siamo determinati a non allontanarci dal nostro obiettivo. Per questo voglio ringraziare Pierer e il consiglio di amministrazione di KTM per l'ulteriore voto di fiducia e per tutto il duro lavoro e la convinzione di ogni singola persona coinvolta in questo progetto”.

In secondo luogo abbiamo esaminato l'intero programma e sappiamo che dobbiamo collocare bene le nostre risorse, crediamo che la MotoGP e la Moto3 siano le piattaforme principali per andare avanti - ha sottolineato - Grazie al grande lavoro e all'esperienza con Aki possiamo mantenere un legame con la Moto2. Siamo fermamente convinti di poter mantenere questa risorsa anche se ridurremo enormemente la nostra presenza come telaisti”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti