Tu sei qui

MotoGP, Petrucci: “Marquez? Purtroppo non sarà un mio problema”

“Ancora non riusciamo a portare la velocità in curva e questo aspetto emerge nel confronto con Marc. La caduta? Ho perso l’anteriore”

MotoGP: Petrucci: “Marquez? Purtroppo non sarà un mio problema”

È un sabato che lascia l’amaro in bocca. Già, perché Danilo Petrucci puntava alle prime due file, invece deve fare i conti con una caduta che gli complica non poco i piani. Il portacolori Ducati scatterà infatti dalla quarta fila con il 12 crono in vista della gara di domani alle 14.

“È senza dubbio un grande peccato – ha esordito Danilo - sono arrivato un po’ troppo forte in quel tratto, ho perso l’anteriore e sono finito a terra. In quell’occasione ero entrato in pista con la media e non avevo abbastanza sostegno in curva, infatti quando ho frenato sono subito finito a terra”.

Un episodio che segna quindi la giornata di Petrucci.

“Dispiace, perché un errore del genere lo paghi tantissimo su una pista come questa.  Tra l’altro stamani ho trovato un buon assetto e in FP4 avevo pure un bel passo. Arrivati a questo punto non mi resta che pensare alla gara, consapevole che sarà complicato puntare al podio, nonostante rimanga quello l’obiettivo”.

Per il portacolori Ducati si preannuncia quindi un GP tutto alla rincorsa.

“In ottica Campionato Vinales e Rins partiranno davanti a me, ma il passo è buono. Dovrò infatti attaccare nei primi giri e cercare di guadagnare più posizioni possibili. Come ho già detto, nelle FP3 sia io che Andrea siamo stati veloci per poi ripeterci nella FP4, dove ho girato sull’1’24”5 e questo passo mi regala fiducia per la gara”.

C’è però un aspetto che lascia alquanto perplesso Danilo.

“In frenata siamo forti, ma non riusciamo a portare la velocità in curva. Perdo infatti tanto tempo in percorrenza e di conseguenza  dobbiamo lavorare in quell’area. Questo aspetto emerge in modo evidente quando ti ritrovi a seguire uno come Marquez”.

Già, Marc Marquez, colui che domani scatterà davanti a tutti.

“Sul passo è stato circa 3-4 decimi più veloce rispetto a me.  Di sicuro Marc sta facendo un grande lavoro e il suo passo è il migliore per quanto visto fino a questo momento. Purtroppo, viste come sono andate le qualifiche, domani Marc non sarà un mio problema”.

Audio raccolto da Matteo Aglio.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti