Tu sei qui

MotoGP, Master of Hospitality con Alpinestars e Prosecco Doc in Austria

In Austria è proseguito il certame che a fine stagione premierà fra le migliori Hospitality del motomondiale organizzato da Prosecco Doc e GPOne.com

MotoGP: Master of Hospitality con Alpinestars e Prosecco Doc in Austria

All Red Bull Ring è proseguito il nostro 'Master of Hospitality', un certame che coinvolge cinque delle migliori Hospitality del paddock in un gioco culinario che abbiamo organizzato assieme al consorzio del Prosecco Doc.

Sulla falsariga del più famoso - e serioso - Masterchef, abbiamo coinvolto i produttori del Genio italiano delle bollicine, 464 milioni di bottiglie prodotte all'anno nelle 5 province del Veneto (tutte meno Verona) e di tutto il Friuli Venezia Giulia in un gioco che ci vede coinvolti come giudici assieme agli altri giornalisti e manager del motomondiale.

Una sfida fra Chef che premierà, in base a Gusto, Impiattamento,  Servizio, Location,  Simpatia dello staff e Abbinamento al Prosecco DOC, la migliore fra le Ospitalità che durante il campionato, oltre ad occuparsi dei propri team garantisce la nostra...sopravvivenza.

Un modo per stare assieme, condito da un po' di gusto della sfida proprio del nostro sport.

Se a Brno i nostri ospiti sono stati i ragazzi della Ducati Pramac a Zeltweg è stata la Hospitality della Alpinestars a tenere banco con a capotavola Gabriele Mazzarolo, boss del notissimo marchio di Asolo nato nel 1963 dalla mente di Sante Mazzarolo che identificò la sua azienda con il nome del fiore perenne Stella Alpina.

Dal cross alla velocità, sinonimo di innovazione e di qualità.

"Oggi siamo leader anche nella produzione di outfit completi per l'automobilismo - ha spiegato Mazzarolo - dalle scarpe ai guanti passando per la tuta ignifuga. E molte case comprano i nostri tessuti".

Una lunga strada dal primo titolo mondiale vinto all'inizio degli anni '70 da Roger de Coster e che ha portato poi Alpinestars nel motomondiale e poi in Formula 1 e in NASCAR ed è ora presente con i suoi uffici a Los Angeles, California, Italy, Tokyo,  Asia, Bangkok, Thailandia.  

Giudici permanenti Carlo Pernat, Nico Forletta (Radio Rai), Massimo Calandri (La Repubblica), con il supporto di Paolo Ianieri (La Gazzetta dello Sport), Niki Kovacs (freelance) e Gianluca Gafforio (Rai TV).

Il menù di Alpinestars, preparato dai suoi chef Daniele Pollet, Francesco dal Bosco e Erdis Dallnesi prevedeva:

Entrée: Gamberoni in tempura di Prosecco DOC

Primo piatto: Risotto al nero di seppia, tartare di scampi e sfere di Prosecco DOC

Secondo piatto: Filetto di salmone, salsa mornaise al Prosecco DOC, verdure di stagione

Dessert: Bavarese al Prosecco DOC, rose, lampone e ganache al cioccolato bianco

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti