MotoGP, Bagnaia: “l’Academy è l’isola di Peter Pan. Balda? Voleva cambiare”

"In qualifica purtroppo ho avuto problemi con l'anteriore. Forse nella VR 46 Lorenzo non avvertiva più determinate sensazioni, allora è giusto cambiare"

Share


Francesco Bagnaia si mangia le mani. Già, perché per soli due decimi il pilota piemontese è rimasto escluso dall’accesso diretto alla Q2. L’alfiere Pramac scatterà infatti dalla 14^ casella, ma dal suo volto trapela fiducia.

“È stata una giornata difficile – ha esordito - dopo le FP4 abbiamo optato quindi per delle modifiche alla moto, infatti in Q1 avvertivo grande fiducia, soprattutto all’anteriore. Purtroppo quello era uno degli aspetti che più ha influito durante il weekend.”  

Bagnaia ha quindi ritrovato la giusta via solo al pomeriggio.

Come ben sapete tutto va di conseguenza in MotoGP. Magari parti con poca fiducia e non riesci a spingere come credi, dato che non riesci a portare le gomme in temperatura e quindi fatichi. Nel pomeriggio però le sensazioni sono state ben diverse. Sono stato in grado di far lavorare bene le gomme e  ho iniziato a vedere la luce. Peccato essere rimasti fuori dalla Q2 per pochi decimi, col crono realizzato in Q1 sarei infatti partito terzo sullo schieramento”.

Inutile però piangersi addosso, dal momento che non si può tornare indietro. L’unica cosa è guardare avanti.

Spero in una gara sull’asciutta, un po’ come tutti(sorride) ma penso che anche sul bagnato potremo essere competitivi. Sono convinto che sull’asciutto io e la Ducati saremo più veloci rispetto a quanto visto nelle  libere.

Non manca poi una battuta in merito alla separazione di Baldassarri e Foggia dall’Academy.

“L’ho saputo prima di venire qua, dato che non ero a conoscenza di questa cosa. Magari Lorenzo ha bisogno di imboccare una nuova strada e allo stesso tempo fare scelte diverse”.

Discorso opposto invece per Bagnaia.

“Per me l’Academy è come l’Isola di Peter Pan. Loro ci aiutano molto e sono contento per tutto quello che ci danno, infatti sono riconoscente. Magari, quando non avverti più determinate sensazioni, è meglio cambiare”.

L’ultima battuta riguarda i test di lunedì.

“Di sicuro saranno utili, il fatto che in quell’occasione la pista sarà particolarmente gommata e di conseguenza vanno a sparire le difficoltà che solitamente incontro con la trazione posteriore. Penso quindi sia più facile trovare qualcosa nel weekend di gara piuttosto che in altre giornate di test”   

Audio raccolto da Matteo Aglio

Share

Articoli che potrebbero interessarti