SBK, 8 Ore di Suzuka: a Canepa e Yamaha serve un miracolo per il Mondiale

All’Ottovolante si decide il titolo iridato dell’Endurance, in testa la Kawasaki SRC braccata da Suzuki SERT con Honda in terza posizione

Share


In palio ci sono ben 50 punti, ovvero 45 per la vittoria + 5 per la conquista della pole position. È questo il bottino presente sul banco per la 42^ edizione della 8 Ore di Suzuka. La gara conclusiva del Mondiale Endurance è da sempre la più attesa dell’intero calendario, non solo perché si corre sullo storico tracciato dell’Ottovolante, ma perché ci sono in azione tutti i team factory delle Case giapponesi, ovvero Honda HRC, Yamaha, Kawasaki e Suzuki, che come sempre catturano gran parte dei riflettori della scena, portando piloti impegnati in Superbike e Motomondiale.

Non dobbiamo però scordarci che c’è anche un titolo iridato, ovvero quello della serie di durata, che in Giappone vede la stagione 2018/2019 andare in archivio. Le squadre iscritte al Campionato arrivano finalmente al traguardo della propria cavalcata dopo aver disputato quattro round conditi da colpi di scena, gioie e delusioni.

Al comando della classifica ci sono i francesi di Kawasaki SRC, i quali guardando tutti dall’altro grazie a un bottino di ben 132 punti. La squadra formata da Nigon, Guarnoni e David Checa sbarca in Giappone con cinque lunghezze di vantaggio nei confronti della Suzuki SERT, puntando dritta al titolo. Non sarà una cosa semplice, dal momento che i capo classifica sono stati costretti ad affrontare un fine settimana al momento tutto in salita, senza dimenticarsi del fatto che la squadra ha deciso di prendere parte alla 8 Ore soltanto a giugno. Cinque punti di vantaggio sono quindi un niente, ricordandoci che in terza posizione inseguono i campioni in carica di FCC TSR.

Il team transalpino, impegnato con la Honda, ha grande confidenza con la pista del Sol Levante e proprio per questo motivo punta a far saltare il banco, affidandosi alle qualità di Hook, Foray e Di Meglio. Servirà essere impeccabili, dal momento che sono 23 le lunghezze che li separano dalla vetta. Addirittura 44 quelle che deve colmare la Yamaha di YART con Niccolò Canepa portabandiera assieme a Broc Parkes e Marvin Fritz.

Due anni fa il pilota ligure vinse il Mondiale Endurance con GMT94 a Suzuka, ora servirà un vero e proprio miracolo per ribaltare il copione, vista soprattutto la presenza delle squadre ufficiali. Il team YART con cui partecipa Canepa paga l’ultimo round alla 8 Ore di Oschersleben, dove ha portato a casa un solo punto. Un black out che rischia a questo punto di pesare come un macigno nell’ultimo round iridato.  

Share

Articoli che potrebbero interessarti