Tu sei qui

MotoGP, Sachsenring, WUP: Marc Marquez più forte anche del meteo

Pista bagnato a inizio turno, ma i piloti mettono le slick nel finale. Marc precede le Ducati di Miller, Dovizioso e Bagnaia. Petrucci tampona Rabat, ma i due restano in piedi

MotoGP: Sachsenring, WUP: Marc Marquez più forte anche del meteo

La pioggia è arrivata nella notte al Sachsenring e i piloti della MotoGP sono scesi in pista per il warm up con l’asfalto ancora umido. Gli ultimi 20 minuti di prove prima della gara sono stati di poca utilità, perché nei primi minuti del turno era ancora necessario montare gomme da bagnato, ma per la gara è atteso il sereno.

Marquez, per esempio, è stato nel box a inizio sessione, per poi entrare in pista quando le condizioni sono migliorate, evitando così rischi. Che invece si è preso Zarco, che è caduto alla curva 11, ma senza riportare conseguenze.

Negli ultimi 10 minuti del turno, i piloti hanno potuto montare le slick e il più pronto ad adattarsi alle complicate condizioni è stato Marc. Il pilota della Honda ha piazzato il tempo di 1’23”116, molto lontano dai riferimenti di ieri (la sua pole da record è stata di 1’20”195), ma sufficiente a mettersi davanti a tutti anche nel warm up con un paio di gomme medie.

Con un asfalto che presentava una piccola traiettoria asciutta, hanno spiccato le Ducati. Lo specialista del ‘bagnasciutto’ Miller si è messo al 2° posto a 0”190, alle sue spalle c’è Dovizioso mentre Bagnaia è 4°. Pecco è ancora dolorante al collo dopo la caduta di venerdì, ma le sue condizioni stanno lentamente migliorando.

Buon quinto tempo del tester Honda Stefan Bradl, che si è messo alle spalle Petrucci. Danilo ha rischiato grosso negli ultimi due minuti, quando alla prima curva è arrivato lungo in frenata e ha tamponato Rabat. Entrambi i piloti sono rimasti in piedi e il ternano si è immediatamente scusato.

Prima delle Yamaha è quella di Quartararo al 7° posto davanti al debuttante Oliveira e Vinales. Appena fuori dalla top ten Crtutchlow e Mir, che si è fermato a bordo pista per un  problema tecnico alla sua Suzuki a inizio turno. Valentino Rossi ha terminato invece 13° davanti a Syahrin, Rabat, Nakagami, Abraham, Morbidelli, Zarco e Aleix Espargarò (che ha completato appena 2 giri). Non hanno completato nessun giro Iannone e Rins, usciti dal box e subito rientrati senza passare sul traguardo.

I TEMPI

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti