Tu sei qui

Moto2, Alex fa il Marc, vittoria di Marquez al Sachsenring

Seconda posizione per la KTM di Binder davanti a Schrotter. 4° Di Giannantonio

Moto2: Alex fa il Marc, vittoria di Marquez al Sachsenring

Alex Marquez si conferma dopo la pole di ieri e, dopo una bagarre iniziale, imita il fratello Marc e vince in solitaria con 1.2 secondi di vantaggio su Binder. Lo spagnolo porta a casa il quarto successo stagionale e si riprende la leadership del mondiale ai danni di Thomas Luthi che ora si trova a -8.

“Prima della gara non mi sarei aspettato di vincere – ha detto Marquez - c’erano tanti punti di domanda. Questo circuito non è mio amico e ho fatto tanti errori durante il weekend. Oggi in gara però andava tutto bene e sentivo di avere la vittoria in mano”

Sul podio, insieme al nuovo leader del mondiale abbiamo detto del secondo posto di Binder al termine di una bellissima bagarre a tre con Schrotter, 3° e Lecuona caduto all’ultima curva.

Primo degli italiani è Fabio Di Giannantonio, 4° con la Speed Up e che fa segnare il miglior risultato di un debuttante in questa stagione migliorando il quinto posto di Bastianini al Montmelò.

“Che gara- ha detto Di Giannantonio - ho spinto forte da subito perché i primi andavano davvero forte. Mi sono detto di stare calmo e di attendere che le gomme degli altri calassero ma non rallentavano mai. Alla fine ho provato a prenderli ma giravano al mio ritmo. Marquez fa paura, ma io sto arrivando. Adesso ho tre settimane di vacanza e poi a Brno”

Quinta posizione per Thomas Luthi che è partito male ed è stato costretto a recuperare molte posizioni causando anche la caduta di Vierge in curva 1. Per la direzione gara il contatto tra i due è stato tanto irregolare da punire l’ex leader del mondiale con un long lap penalty.

Settimo Lorenzo Baldassarri dietro al compagno di team Fernandez e davanti a Jorge Navarro e ad un buonissimo Jorge Martin.

Tante difficoltà per Luca Marini, dopo la lotta per la prima posizione ad inizio gara il pilota italiano è sprofondato in decima posizione. Quattordicesimo Enea Bastianini. 

 

LA GARA - Ottima partenza di Marini che beffa Marquez allo start. Lo spagnolo viene superato anche da Schrotter, Lecuona e Vierge.

Subito la prima caduta per Dixon che coinvolge anche il compagno di team Cardelus che però riesce a ripartire.

Subito molto aggressivi i piloti della classe di mezzo con Schotter e Lecuona che passano Marini all’ultima curva del primo giro e si portano in testa. Errore di Schrotter che va largo nell’ultimo settore e scala in quinta posizione, in lotta con i due piloti del team Marc VDS.

Scappano i primi quattro tallonati da un ottimo Fabio Di Giannantonio che, dopo aver superato Marcel Schrotter (passato anche da Brad Binder), si sta lanciando all’inseguimento del gruppo di testa.

Binder passa Diggia in curva 1 e prova a riprendere i primi che però, al momento, sembrano avere una marcia in più.

Da segnalare la nona posizione del leader del mondiale Thomas Luthi, in difficoltà dalle qualifiche di ieri.

Doppio sorpasso contemporaneo per il team Marc VDS con Marquez che si è preso la prima posizione su Lecuona e Vierge la terza su Marini. Queste bagarre agevolano la risalita di Binder e Di Giannantonio con il sudafricano che attacca in maniera molto decisa Marini in curva 1e si prende la quarta posizione.

Marquez prova la fuga a 20 giri del termine, l’unico capace di tenere il suo ritmo sembra Lecuona che con la KTM del team American Racing. Binder fotocopia il sorpasso fatto a Marini e lo ripropone su Vierge: stacca tardissimo in curva 1 e spinge largo l’avversario. Forse scorretto, sicuramente concreto ed efficace.

Binder ha completato la rimonta, ha superato Lecuona ed è attaccato ad Alex Marquez. Lontani i piloti del team di Sito Pons con Baldassarri decimo e Fernandez undicesimo.

Caduta di Vierge in un corpo a corpo con Thomas Luthi in curva 1, il leader del mondiale sta recuperando posizioni, ora è 5° davanti a Marini e a 1 secondo dal gruppone. Il sorpasso su Vierge viene messo sotto investigazione.

Bagarre tra Lecuona, Binder e Schrotter, l’unico a beneficiarne davvero è Alex Marquez che mette il turbo, fa il nuovo record della pista in gara, guadagna un secondo e mezzo sul gruppo e mette le basi per la fuga.

Dietro ai migliori Lorenzo Baldassarri ha passato Luca Marini (7° posizione) e ora ha messo nel mirino Fabio Di Giannantonio. A 9 giri dal termine la direzione gara infligge un long lap penalty a Thomas Luthi a causa dell’incidente con Vierge. Di Giannantonio ne approfitta e passa in quinta posizione.

Continua la bagarre per il podio tra Lecuona, Binder e Schrotter, i tre sono attaccati da ormai 8 giri e continuano ad attaccarsi ad ogni staccata. Marquez è ormai scappato e si avvia in solitaria verso la quarta vittoria della stagione. Succede poco nell’ultimo giro tra i tre che si stanno lottando il podio con i piloti che preparano l’attacco all’ultima curva. Proprio lì cade Iker Lecuona nel tentativo di passare Schrotter.

Marquez vince davanti a Binder e Schrotter. Quarto Fabio Di Giannantonio.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti