MotoGP, Marquez: “Quartararo ha tutta la pressione della Francia su di sé"

"Noi spagnoli siamo più fortunati, la dividiamo in tanti. Al debutto non hai mai problemi, ogni risultati è positivo, poi le cose cambiano"

Share


Dopo il secondo posto di Assen è già tempo di tornare vincere per Marc Marquez che sul giardino di casa del Sachsenring (non tanto per vicinanza geografica ma per costanza di successi) non vuole lasciarsi sfuggire il decimo sigillo consecutivo in Germania. Un problema per lo spagnolo può essere però Quartararo che lo ha già beffato oggi in FP1 e che è sempre più vicino al campione del mondo. 

“È velocissimo – ha detto Marquez riferendosi al debuttante francese – e la sua progressione è sicuramente è una bella sorpresa per la MotoGP ma non per noi che siamo i suoi rivali. Mi sorprende molto perchè non è stato subito veloce con questo tipo di moto a differenza mia, ha faticato durante l'inverno ma si è migliorato gara dopo gara. Va veloce in ogni circuito e anche oggi ha tenuto il mio passo e quello di Vinales. Siamo molto vicini, guida benissimo la Yamaha e sta mostrando il vero potenziale di quella moto

Parole di ammirazione per Quartararo da parte di Marquez che ha parlato anche dell’enorme pressione che il debuttante sta sopportando essendo l'unico francese in grado di vincere. 

“Sicuramente non è molto sotto pressione perché è un rookie e sta andando bene, se entra nei primi 5 è già un buon risultato, un podio un successo e non vi dico nemmeno cosa accadrebbe se vincesse. Era capitato lo stesso a me nel 2013, qualsiasi risultato ottenessi andava bene, ora è molto diverso. Secondo me, parlando di pressione, il suo problema maggiore è che è l’unico francese in grado di vincere al momento, è la loro unica speranza, e tutto quel peso è sulle sue spalle. Noi spagnoli in un certo senso siamo fortunati, perché ci dividiamo la pressione, come accade agli italiani, perché siamo in molti. Per lui potrebbe essere più difficile”.

Passando alla giornata in pista di oggi Marquez ha effettuato un cambio di routine rispetto ai suoi soliti venerdì dove normalmente si concentra sul passo gara girando sistematicamente con gomme usate.

“Sono soddisfatto della giornata di oggi – ha detto il campione del mondo in carica - ho montato anche le gomme nuove per essere più veloce, e la mia strategia per domani sarà continuare a provare le nuove gomme”.

Per il campione del mondo anche due moto con telai differenti (quello nuovo ha i fogli in carbonio sulle travi) in pista al Sachsenring. 

“Dovrò capire meglio cosa fare ma so di avere una buona base di partenza. Riesco ad essere veloce con entrambi i telai che ho a disposizione e questo è un vantaggio ma anche un punto debole – ha detto Marc – Ogni specifica ha dei pro e dei contro, gli analizzeremo ma penso che forse domani potrei continuare ad usare entrambe le moto. Sento la differenza tra i due telai, non so dire in cosa mi sembrano diversi ma lo sento. Al momento sono unico della Honda che lo sta utilizzando, Lorenzo lo ha provato al Montmelò e anche in Olanda quando è caduto”.

Molti piloti sembrano ancora rantolare nel buio in previsione della gara per quanto riguarda la scelta delle gomme. Cosa pensa di fare Marquez?

“Non lo so ancora – ha concluso lo spagnolo - all’anteriore mi sono trovato bene con la dura ma al posteriore è tutta un'incognita. Ho usato la media questa mattina e la dura questo pomeriggio domani vedremo cosa fare”. 

Audio raccolto da Matteo Aglio

Share

Articoli che potrebbero interessarti