Tu sei qui

MotoGP, Rossi spera nel Sachsenring: capirò se le modifiche alla M1 funzionano

"Non è un buon momento per me, è un bene avere subito un altro GP". Vinales esaltato dalla vittoria: "voglio dimostrare che non è stata solo una coincidenza"

MotoGP: Rossi spera nel Sachsenring: capirò se le modifiche alla M1 funzionano

Valentino Rossi e Maverick Vinales non potrebbero arrivare al Sachsenring con umori più diversi tra loro. Il primo ha alle spalle tre cadute in altrettante piste (Mugello, Barcellona e Assen) in cui in passato aveva fatto la differenza, il secondo invece è esaltato dal ritorno sul gradino più alto del podio.

La Yamaha affronta la trasferta in Germania fra dubbi e certezze e la speranza che il toboga sassone confermi i progressi della M1 prima della pausa estiva. Anche se il Sachsenring è il regno di Marquez, la moto di Iwata in passato non si era comportata male e, solo un anno fa, proprio il Dottore fu il ‘migliore degli altri’ con un 2° posto.

Un podio domenica sarebbe per Valentino un bicchiere di acqua fresca in un deserto di risultati. Domenica scorsa aveva confessato di “essersi fatto delle domande su tutto”, ma anche assicurato di “avere visto un bagliore in gara” prima della caduta.

In Germania dovrà ripartire da quella fievole luce, per scoprire se c’è effettivamente il sole dietro l’angolo.

Non è un momento positivo per me - ammette Rossi - È stato veramente un peccato finire così la gara ad Assen, perché mi sentivo bene dopo il warm up, ero veloce ma ho collezionato un altro zero. La cosa buona è che andiamo direttamente al Sachsenring e potremo immediatamente rimetterci al lavoro per un altro Gran Premio”.

E capire se la strada imboccata in Olanda è quella giusta.

Sarà importante capire se i cambiamenti fatti per l’ultima gara funzioneranno anche questo fine settimana al Sachsenring - afferma - Proverò a essere competitivo da venerdì”.

Vinales: "dopo la vittoria di Assen mi sembra di sognare"

Si dice che l’appetito venga mangiando e la fame di Vinales è alle stelle. Lo spagnolo non nasconde di avere avuto disperatamente bisogno di un buon risultato, dopo avere passato un momento difficile. Il primo posto in Olanda è stata la miglior curva per lui.

Dopo la vittoria in Assen mi sento come se stessi ancora sognando - spiega Maverick - Eravamo arrivati al punto in cui avevamo bisogno più che mai di quel risultato e ci ha dato la fiducia e la forza di continuare a lavorare sodo. Arrivo al Sachsenring molto concentrato e con il desiderio di mostrare che quello che è successo in Olanda non è stato una coincidenza ma il risultato di un duro lavoro.

Che vuole continuare in Germania.

Il Sachsenring è una buona pista per noi, dove si solo sono veloce, perciò penso di avere il potenziale per stare sul podio - il suo obiettivo  - Non vedo l’ora di tornare sulla mia moto e lavorare sodo dall’inizio del GP”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti