Tu sei qui

MotoGP, Marquez: "Imbattibile al Sachsenring? Lo dicevano anche ad Austin"

Marc ricorda la caduta in Texas: "il motociclismo è imprevedibile". Al suo fianco nel box ci sarà Stefan Bradl, sostituto dell'infortunato Lorenzo

MotoGP: Marquez: "Imbattibile al Sachsenring? Lo dicevano anche ad Austin"

Se le statistiche bastassero a decidere il risultato di una gara, i piloti della MotoGP potrebbero anticipare le vacanze di una settimana e lasciare a Marquez la vittoria a tavolino. Marc vince al Sachsenring ininterrottamente da 9 anni, quando ancora correva in 125. Dal 2010 in poi non ha sbagliato un colpo e in MotoGP non ha lasciato spazio a nessuno neppure in qualifica, con 6 pole in attivo nella classe regina.

Sulla carta sembra tutto facile per lo spagnolo che, inoltre, dopo il GP di Assen, può gestire un vantaggio in classifica di 44 punti su Dovizioso. Il Sachsenring, inoltre, sembra disegnato per lui e per la Honda, con le sue curve strette e, soprattutto, a sinistra, il verso preferito da Marc.

L’unico a essere prudente è proprio Marquez, memore di una lezione molto recente.

Tutti dicono che sono il favorito perché ho vinto nelle scorse stagioni, ma il motociclismo è uno sport imprevedibile: sostenevano la stessa cosa ad Austin e sono caduto - sottolinea - Quindi devo partire pensando solo a questo fine settimana, come faccio in ogni gara”.

Del resto Marc ha dimostrato negli ultimi tempi di sapere fare girare molto velocemente anche le rotelle del cervello e non solo il polso destro.

È la prima volta in questa stagione che corriamo due gare di fila e sono emozionato - continua - Ad Assen ho avuto un buon fine settimana e sono motivato perché arrivo in una delle mie piste preferite. Naturalmente, i risultati del passato sono significano molto e da venerdì dovremo continuare a lavorare sodo per stare davanti”.

Stefan Bradl al posto di Jorge Lorenzo in Germania

La novità nel box della Honda sarà la presenza di Stefan Bradl, che sostituirà il convalescente Jorge Lorenzo dopo la caduta di Assen in cui si è fratturato due vertebre. Il collaudatore tedesco aveva già corso al Sachsenring lo scorso anno, quando aveva preso il posto di Franco Morbidelli.

Sono emozionato di unirmi al team Honda Repsol in Germania, per me è la gara di casa ed è speciale - dice Stefan - Ovviamente mi dispiace tanto per Lorenzo e gli auguro una guarigione la più veloce possibile e che ritorni forte. Mi fa piacere potere aiutare la squadra e la HRV, vediamo cosa porterà questo fine settimana. Sto lavorando bene con Honda e sono grato per questa opportunità”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti