Tu sei qui

Aprilia vince a Pikes Peak: tragedia Dunne con la Ducati Streetfighter

Giornata nera per Borgo Panigale, da Assen al Colorado. La Streetfighter V4 stava dominando prima di cadere, ma è Rennie Scaysbrook a prendersi vittoria e record con la Tuono

News Prodotto: Aprilia vince a Pikes Peak: tragedia Dunne con la Ducati Streetfighter

La mitica Pikes Peak ha oggi registrato un nuovo record e diversamente a quanto previsto alla vigilia, non appartiene a Carlin Dunne ed alla sua Ducati Streetfighter V4, bensì all'Aprilia Tuono portata in gara da Rennie Scaybrook, che ha fermato il cronometro in 9'44.963, strappando il primato precedente alla KTM. Il pilota Aprilia ha tuttavia avuto la strada spianata, perché il rivale in sella alla Ducati non ha completato la sua salita dopo aver segnato nei primi tre settori i migliori riferimenti.

Dunne è caduto in prossimità del traguardo e non è dato sapere quanto sia grave l'entità della sua caduta. (Non ci sono notizie ufficiali in merito ed appena le avremo provvederemo ad aggiornare). Purtroppo la notizia che è arrivata è la peggiore possibile: Dunne non ce l'ha fatta.

E' stata insomma una giornata nera quella della Ducati, che non è riuscita a salire sul podio ad Assen e confidava di strappare il nuovo record sul tracciato del Colorado grazie alla letale accoppiata formata da Dunne in sella alla Streetfighter V4. Sperando che nell'incidente non sia successo nulla di grave, siamo certi che l'appuntamento possa solo essere rimandato alla prossima edizione, la n°98. A Borgo Panigale possono almeno consolarsi con la vittoria in Gara 2 a Knockhill conquistata da Scott Redding, che è in testa al BSB.

Grande festa invece per Aprilia, che ha raccolto una vittoria insperata e si è anche presa il nuovo record del tracciato 

Secondo posto per la BMW di Lucy Glockner e terzo per Codie Vahshoitz in sella ad una Ducati Multistrada 1260.

Questa la classifica della gara riservata alle moto:

CLASSIFICA PIKES PEAK MOTO
Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti