Tu sei qui

MotoGP, Lorenzo: "Ho rovinato la gara a tre piloti, ma io sempre corretto"

"Di Barcellona non voglio parlare più. Qui avrò una nuova carena. E' un altro passo del mio percorso e spero di ritrovare buone sensazioni, anche se non sono al 100% fisicamente"

MotoGP: Lorenzo: "Ho rovinato la gara a tre piloti, ma io sempre corretto"

Redenzione. Jorge Lorenzo arriva ad Assen conscio di essere sulla bocca di tutti, del resto lo strike di Barcellona è ancora presente sia nella mente degli addetti ai lavori che sulle bacheche social degli appassionati, ma lo spagnolo è in cerca di riscatto. Di redenzione, appunto.

“Non conosco il futuro, ma è un nuovo weekend ed una nuova pista dove tutto può accadere. Spero che di avere buone sensazioni sin da subito - confessa - e le previsioni meteo positive sono una buona notizia. Spero di unire la confidenza raggiunta a Barcellona con le novità che avrò a disposizione da questa gara per essere più vicino ai primi: avremo probabilmente una nuova carena, che mi darà più supporto insieme ad altri pezzi. Nulla di rivoluzionario, ma dettagli che mi possono aiutare”.

Una nuova carena dunque, che segna un’altra tappa del viaggio di avvicinamento alla Honda dello spagnolo.

“La nuova carena è parte del processo iniziato con il viaggio in Giappone, ed al momento è solo per me. E’ un processo lungo ma in questo momento mi sento più forte rispetto al passato, abbiamo migliorato piccoli dettagli e siamo cresciuti, ma la strada resta lunga. Praticamente tutto ciò che abbiamo provato lunedì potremmo usarlo qui”.

Un processo passato anche per i test successivi alla gara di Barcellona, dove Jorge è incappato in una brutta caduta.

“E’ stata una caduta pesante ed in quel momento era un po’ preoccupato perché mi doleva dappertutto, soprattutto il torace, ma le lastre hanno scongiurato infortuni. Per fortuna sono riuscito a provare tutte le nuove parti, anche se non nelle migliori condizioni. Sono sempre stato un secondo più lento. Attualmente mi sento meglio ma non al 100%, specie per quanto riguarda i movimento da fare in sella, dovrò recuperare le energie ma al Sachsenring sarò nuovamente nelle migliori condizioni”.

Dopo la Germania, a proposito, vi sarà la pausa estiva. Il momento giusto per rilassarsi, e mettersi alle spalle le critiche ricevute. 

“Non ho mai dato peso a queste cose, e come credo sia chiaro sono sempre stato un pilota attento alla sicurezza. Non credo che un errore possa cambiare la cosa, anche se ho rovinato il weekend di tre piloti: sono cose che possono succedere e mi sono scusato, con l’intenzione di non ripetere più l’errore”.

Chi pare aver mal digerito le scuse di Lorenzo è Maverick Vinales, che ancora non pare aver chiuso il conto con il connazionale.

“Non credo che ne parlerò ancora con Maverick. Ho detto ciò che dovevo dire nel weekend di Barcellona e sono stato capito, ora si volta pagina".

Ad aiutare Lorenzo in questo caso spinoso potrebbe essere Alberto Puig, per il quale Jorge spende belle parole.

"Alberto è una persona che conosce le moto e le corse, inoltre dice ciò che pensa, cosa che per me è molto importante”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti