Tu sei qui

MotoGP, Petrucci: “Ho accordato la Ducati: ora gira di più"

Danilo soddisfatto dopo i test a Barcellona: "avevo nuove parti per la ciclistica e funzionano, le userò già ad Assen"

MotoGP: Petrucci: “Ho accordato la Ducati: ora gira di più"

Danilo Petrucci si gode il lunedì di test della MotoGP al Montmelò forte della terza posizione nella gara di ieri. La giornata è stata piena e ricca di novità importanti per Ducati e per il pilota ternano in particolare. Cos’hai provato oggi?

È stata una giornata importante – ha detto Danilo al termine dei test – ho provato tante cose sia a livello di ciclistica che di elettronica, oltre che a lavorare sull’aerodinamica, visto che perdo molta velocità nel dritto rispetto alle altre Ducati per via del mio fisico e questo non mi aiuta a sorpassare”.

Abbiamo visto un cupolino nuovo e anche delle modifiche al serbatoio.

"Si, il cupolino ha un profilo nero che sembra tanto l’Halo della Formula 1 perché lo hai proprio davanti agli occhi. Oltre a ciò che si è visto esternamente abbiamo anche apportato delle modifiche strutturali alla moto che porteremo ad Assen.

Sono miglioramenti sostanziali?

"Bisogna sempre prendere i test come quello di oggi con le pinze perché c’erano delle buonissime condizioni in pista. Comunque, le novità sono buone ma non ci fanno girare 1 secondo più veloce – ha scherzato Petrux – sarebbe fighissimo se no! Ad ogni modo stiamo migliorando nel nostro problema maggiore, le curve. Rispetto a Yamaha e Suzuki (con cui ho fatto la gara ieri) siamo forti in accelerazione e frenata ma soffriamo in percorrenza e infatti Alex e Fabio hanno provato a sorpassarmi proprio in quelle tipologie di curva”.

Hai detto che porterete qualcosa ad Assen. Puoi dirci di più?

“In Olanda, all’inizio, avremmo due moto: una “normale”, l’altra con le novità di oggi e l’assetto che abbiamo trovato. Non ci dovrebbe essere il cupolino nuovo ma cambieranno proprio le geometrie”.

Tanto lavoro anche per le altre Ducati con Dovi che ha provato un nuovo telaio. Tu non lo hai?

"La filosofia di Gigi Dall’Igna è dividere il lavoro tra noi piloti – ha detto Petrucci .Io avevo soluzioni meno visibili rispetto a quelle di Andrea. So che si è trovato bene ma non ho visto i dati. Anche Miller ha provato qualche novità, sono sicuro che questo sia stato un test positivo per la Ducati. Comunque abbiamo sempre la coperta corta, quando miglioriamo in un area peggioriamo in un’altra”.

Come dicevi prima oggi le condizioni della pista sono state molto particolari. Come ti è sembrato il tracciato rispetto alla gara di ieri?

“Ieri abbiamo fatto tutti molta fatica, oggi la pista era messa meglio, c’era più grip ed è stato semplice provare migliori sensazioni in moto. Oggi siamo stati più forti con le gomme usate”.

La MotoGP è sempre più competitiva e sembrate tutti molto vicini, come lo interpreti e come cambia il vostro lavoro?

“Quando vedi dieci piloti in 3 decimi in una pista di un minuto e quaranta secondi capire qual è la differenza tra te e un altro è come produrre perfettamente una sinfonia, si lavora sui particolari, sui millesimi di secondo. È molto complicato”.

In ottica campionato la gara di ieri è stata un vero spartiacque con Marquez in fuga e tu molto vicino a Dovi. La Ducati deve sedersi ad un tavolo e capire come non agevolare Marc?

“Ieri abbiamo perso molti punti – ha detto Danilo – e sicuramente Marquez ha acquisito fiducia. Ha margine e può permettersi di fare un errore e quindi corre più tranquillo. Noi dovremmo sfruttare il fatto che siamo un team che lavora tanto, e che siamo gli unici con due piloti lì davanti”.

La strategia sarà importante da qui alla fine?

Assolutamente – ha concluso Petrux -una cosa come quella del sabato del Mugello, con Marc che ci ha seguiti in qualifica non dovrà più accadere. Ci siamo dati un’impostazione all’inizio dell’anno e stiamo continuando con quel lavoro. Chiaramente quando io e Dovi combattiamo come a Le Mans o al Mugello è ancora più complicato anche perchè siamo molto vicini in campionato”.

Audio raccolto da Matteo Aglio

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti