Tu sei qui

MotoGP, Vinales: "La Direzione Gara deve penalizzare Lorenzo"

"Potrebbe partire ultimo per esempio. Non si vincono le corse al secondo giro, ha rovinato la gara mia e di Vale, e corsa al titolo di Dovizioso"

MotoGP: Vinales: "La Direzione Gara deve penalizzare Lorenzo"

Se c’è un pilota che in questa stagione è bersagliato dalla sfortuna, questo è Maverick Vinales. Lo spagnolo ha infatti già incassato tre zeri in stagione non per causa sua, venendo travolto da altri piloti. Oggi a speronare la Yamaha numero 12 è stato Jorge Lorenzo, per il quale Maverick ha comprensibilmente parole dure.

“Quando sono arrivato alla staccata ho capito che qualcuno stava arrivando troppo forte e piegato – apre – e per questo sono andato lungo, ma purtroppo Jorge mi ha colpito la ruota dietro e non ho potuto fare nulla. Non si vince una gara al primo giro e nemmeno al secondo, quindi credo che la direzione di gara debba fare qualcosa. Sono stato colpito da Bagnaia, Morbidelli e oggi Lorenzo, che non è nemmeno venuto al box per scusarsi. . È vero che contro Pecco e Franco non ho chiesto sanzioni, ma questa volta lo faccio perché la sua è stata una staccata senza senso”.

Vinales prosegue nel suo sfogo, e ribadisce la necessità di una penalizzazione

“Ero partito bene, ero a mio agio in sella ed ero secondo vicino al primo. Abbiamo lavorato bene durante il weekend, specie per la gara, ma con azioni del genere non si può combattere, quindi spero che la direzione di gara faccia qualcosa. Che cosa? Farlo partire ultimo ad esempio, ha coinvolto quattro piloti. Oncu in Moto3 ha travolto altri piloti e sicuramente sarà penalizzato, quindi va fatto lo stesso con Jorge”.

Non si da pace il 12, e non usa mezzi termini per descrivere la gravità del gesto del suo connazionale.

“E’ difficile capire il perché di un’azione del genere, che ha rovinato non solo la mia gara ma anche quella di Valentino e Andrea, ed ha pregiudicato la rincorsa al mondiale di Dovizioso. Ha fatto proprio un bel lavoro, secondo me non avrebbe potuto proprio farla la curva in quel modo: se avesse aspettato il rettilineo mi avrebbe sicuramente passato. Per fortuna non mi sono fatto nulla, dato che domani è un giorno molto importante per noi”.

Alcuni hanno cercato di individuare nella pressione la causa dell’errore di Lorenzo, ma Vinales non vuole sentirne parlare.

“Non è una scusa la pressione, non riesco a capire la manovra. Non ho mai fatto manovre del genere, ho fatto qualcosa di simile solo una volta in Moto2. Anche io sono stato spesso sotto pressione quando non arrivano i risultati, ma non ho mai fatto nulla del genere, poteva lasciare i freni e andare dritto, aveva lo spazio invece a rovinato la gara di altri piloti”.

Altri hanno parlato della strana conformazione della curva 10, che porta spesso ad errori del genere.

“E’ una curva difficile ma siamo onesti, era quarto e poteva passarmi sul rettilineo. Già nel warm up mi ha passato all’interno in maniera aggressiva, e qualcosa del genere era capitata anche al Mugello. Per me è un errore da rookie, è un cinque volte campione del mondo ma a volte devi pensare in sella”.

Il rammarico di Maverick è forte, ed è rafforzato dalla convinzione che quella odierna poteva davvero essere una gara più che positiva per lui. Resta comunque ciò che di buono ha fatto nel weekend, da conservare per il prossimo Gran Premio.

"Difficile da dire adesso se sarei potuto stare con Marquez, ma secondo me sì. Nel warm up sono riuscito a tenere un bel ritmo, ed appena partito mi sono sentito bene anche con il serbatoio pieno. Dobbiamo capire come replicare quanto fatto qui per essere veloci e partire davanti anche ad Assen, che è una pista a noi favorevole. Questo fine settimana mi lascia un sapore dolce ma anche amaro, perché potevo essere sul podio”.

Audio raccolto da Matteo Aglio 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti