Tu sei qui

MotoGP, FP1: Marquez subito in testa, le Yamaha inseguono

Alle spalle del 93 Quartararo e Vinales. 4° Dovizioso, 8° Morbidelli davanti a Rossi, 18° Petrucci dietro a Lorenzo con il nuovo serbatoio 

MotoGP: FP1: Marquez subito in testa, le Yamaha inseguono

In Catalogna lo spettacolo è iniziato. Il primo turno di prove libere della MotoGP infatti è andato in archivio, sotto un cielo coperto: gomme medie al posteriore e morbide all’anteriore per tutti, alla ricerca dei primi riscontri cronometrici e delle prime indicazioni sull’assetto.

A comandare le operazioni è il leader del campionato, Marc Marquez. 1’40”692 il suo tempo, fatto segnare però con una coppia di gomme soffici montate sul finale: una scelta diversa dal solito per il 93, abituato nei primi turni a lavorare più sulla gara che sul singolo giro.

A 111 millesimi dallo spagnolo ecco Fabio Quartararo, seguito da Maverick Vinales: la Yamaha si conferma veloce sul singolo giro come accaduto anche al Mugello, grazie anche alle condizioni atmosferiche, ma il vero potenziale della M1 resta un rebus che solo la gara può risolvere.

Quarta piazza per il primo azzurro e ducatista ossia Andrea Dovizioso (+0.338), molto più avanti rispetto al compagno Danilo Petrucci, che chiude un difficile primo turno in 18° posizione, a quasi un secondo dalla vetta. Tornando alla classifica, Nakagami è quinto davanti a Miller e Rins.

Turno positivo per Franco Morbidelli, ottavo davanti a Valentino Rossi: il 46 ha risolto una situazione intricata all’ultimo passaggio, riducendo il divario dalla vetta a meno di mezzo secondo ed entrando momentaneamente in top ten, chiusa dalla Aprilia di Aleix Espargaro.

Chi aveva più di un occhio addosso era Jorge Lorenzo, che chiude però 17° a quasi un secondo. Il maiorchino si è presentato in pista (per primo) con un nuovo serbatoio, modificato per avere maggiore sostegno in frenata e in piega, che per il momento non ha pagato particolarmente. Chi anche ha portato in pista delle novità è Johann Zarco (13°), fornito al pari del compagno del nuovo forcellone in carbonio. Chiude la classifica Syahrin, preceduto dalle due wild card Guintoli e Smith.

 

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti