Tu sei qui

Moto3, Arbolino da record, è pole italiana al Mugello

Chiudono la prima fila Rodrigo e Dalla Porta. Suzuki e Antonelli 5° e 6° con rischio penalità

Moto3: Arbolino da record, è pole italiana al Mugello

Il Mugello non tradisce le attese e già dalla prima sessione di qualifiche regala colpi di scena e gioie ai colori italiani. È Tony Arbolino l’uomo di giornata. Il milanese bissa il primo tempo nelle FP3 e si conferma al comando del gruppo nel GP d’Italia.

Per il piolta Snipers anche il record della pista con uno spaziale 1.56.407 che stacca di quasi 7 decimi Gabriel Rodrigo che partirà secondo. “Incredibile, fare la pole qua è speciale, quasi da lacrime – ha detto Arbolino – il setup era buono. All’inizio siamo partiti male ma ho avuto l’intelligenza e la calma per poter fare un buon risultato”

A completare il sandwich italiano attorno all’argentino Rodrigo c’è un comunque ottimo Lorenzo Dalla Porta, secondo nel mondiale e con una buona chance nei confronti di Canet che partirà decimo.

Ancora Italia nella seconda fila con Andrea Migno che, dopo un weekend pieno di problemi e il passaggio dalla Q1, ha preceduto Antonelli e Suzuki. I piloti SIC58 protagonisti di un clamoroso errore ad inizio sessione: per evitare che i piloti Estrella Galicia si accodassero a loro hanno accellerato in Pit Lane entrando in pista pochi secondi prima della bandiera verde. Per loro potrebbe esserci una penalità che quindi ridisegnerebbe la griglia della Moto3.

La terza fila si apre con Romano Fenati che ha preceduto Toba e Ramirez. Abbiamo già detto del decimo posto di Aron Canet che dovrà difendersi (in ottica campionato) dagli attacchi di Dalla Porta e Antonelli.

Dietro al leader del mondiale si sono posizionati Lopez e Masia. Tredicesima posizione per Dennis Foggia che ha preceduto Binder e Fernandez (entrambi passati per il Q1). La lista dei primi diciotto si chiude con Garcia, Vietti e McPhee.

Nulla da fare per Zannoni e Rossi, non capaci di passare il taglio in Q1 e relegati alla 25° e all’ultima posizione.

Fuori dalle posizioni "nobili" anche Kornfeil (20°) e Arenas (22°).

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti