Tu sei qui

MotoGP, Lorenzo: "Ai test di Barcellona una carena che mi aiuterà"

"Non ho sostegno in frenata e sto cambiando il mio stile di guida. Sono 20°? Non ho messo la gomma nuova, il mio ritmo è buono"

MotoGP: Lorenzo: "Ai test di Barcellona una carena che mi aiuterà"

Share


L’umore di Lorenzo è molto migliore di quanto farebbe pensare la classifica, che lo relega al 20° posto. “Non ho messo la gomma nuova a fine turno, ho preferito tenerne una in più per domani. Penso sarei riuscito a stare nei primi 10 e il mio passo non è assolutamente malvagio” assicura il maiorchino.

Questo non significa che il suo apprendistato sulla Honda sia finito. Jorge non riesce ancora a guidare la RC213V come vorrebbe e sta lavorando su due fronti: sulla moto e sul proprio stile di guida.

Sto cercando di trovare maggiore velocità in entrata di curva - spiega - Per questo motivo sto frenando con più pressione nella prima parte della staccata per poi diminuirla progressivamente. Non è uno stile per ma naturale, ma sono sicuro che sia la strada giusta da seguire”.

Continuano anche gli esperimenti per trovare anche una migliore posizione sulla moto, che però al momento non stanno dando grandi successi.

Ho provato un diverso manubrio per avere una posizione più avanzata, in modo di avere maggior carico sull’anteriore - continua Jorge - Però mi sono sentito peggio e sono tornato alla soluzione precedente. Anche per quanto riguarda il serbatoio sto usando quello standard, lo stesso di Marquez”.

Come accaduto sulla Ducati, Lorenzo sta cercando maggiore sostegno in frenata e presto arriverà qualcosa che potrà aiutarlo.

Stanno preparando una nuova carena e penso che, probabilmente, potrò provarla nei test dopo il GP di Barcellona - svela - In questo momento non ho abbastanza supporto per le ginocchia in frenata, non c’è abbastanza spazio perché io possa appoggiarmi quando stacco. Questo mi obbliga guidare cercando di salvaguardare le energie e non posso essere veloce come vorrei”.

Nonostante tutto, il maiorchino è ottimista per la gara del Mugello.

Devo trovare un paio di decimi sul passo e riuscirò stare vicino ai migliori - il suo obiettivo - Questa mattina ero in difficoltà, ma piano piano sono riuscito a migliorare e lo stesso è accaduto nel pomeriggio. Domani dovrò fare un altro passo in avanti, anche nel giro secco perché non ho ancora la giusta esplosività, come era invece accaduto a Le Mans, e potrebbe essere un problema per le qualifiche”.

Oggi Lorenzo non è stato l’unico ‘barone’ della MotoGP nei guai. Nemmeno Dovizioso ha brillato e Rossi è poco più avanti di Jorge in classifica, mentre i debuttanti hanno fatto faville.

Bagnaia ha fatto un buon giro ma con la gomma nuova, nulla di sorprendente, Quartararo ha un grande talento ma è arrivato in MotoGP sulla moto più facile -  la sua opinione - Fabio sta facendo bene, ma per un motivo o per l’altro non è mai riuscito a dimostrare consistenza in gara. Sicuramente i piloti che hanno cambiato moto stanno avendo più difficoltà per adattarsi”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti