Tu sei qui

MotoAmerica, Con l'aiuto Ducati, Wyman è ottimista: "vedo già il successo"

Kyle ed il team KWR hanno ora nella Panigale V4R l'elettronica Marelli messa a punto da un ingegnere di Borgo Panigale: "l'obiettivo è la top five"

MotoAmerica: Con l'aiuto Ducati, Wyman è ottimista: "vedo già il successo"

Kyle Wyman è soddisfatto e ne ha ben donde. Il materiale tecnico ed umano ricevuto da Borgo Panigale è stato montato e messo alla prova in un test sulla pista di Pittsburgh - Pennsylvania - con riscontri decisamente confortanti e positivi.

La gestione elettronica Marelli ed un ingegnere di fiducia appartenente a Ducati Corse hanno letteralmente ribaltato e migliorato il carattere della moto KWR, ora più prestante e, allo stesso tempo, sfruttabile.

Il pilota dello stato di New York spiega quali siano le sue impressioni dopo due giornate di lavoro.

“Ora la moto si comporta decisamente meglio. La differenza più grande è come io mi senta connesso alla Ducati, con un feeling più diretto al comando del gas. Adesso la V4 R esprime piena potenza, se paragonata all’elettronica di serie che usavo prima. Principalmente nelle marce basse ho trovato una grossa differenza. Ieri siamo stati più veloci dei tempi registrati con la mia Yamaha R1 Superbike dello scorso anno e questo è un dato molto positivo. Finalmente ero in grado di provare la Panigale in una configurazione evoluta, perché le prime gare sono state affrontate senza test prestagionali”.

Che tipo di lavoro ha svolto il tecnico Ducati?

Fausto, l’ingegnere Ducati, ci ha dato un grosso aiuto nel set up dell’elettronica ed ha istruito il mio tecnico di pista su come far lavorare al meglio tutti i sistemi. Ci sono state fornite molte competenze da Ducati, noi abbiamo tanto da imparare ma io posso già vedere un percorso di successo.

Quali obiettivi vuoi prefissarti?

Il mio obiettivo per il prossimo weekend di corse a Road America è provare a battagliare per la top five, riducendo il gap della metà nei confronti dei leader, e penso che sia un traguardo attendibile e raggiungibile. Sto diventando più disinvolto nella guida, la moto ora mi trasmette maggior fiducia, quindi, vedremo fin dove potremo arrivare partendo da questo punto”.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti