Tu sei qui

MotoGP, Petrucci: “Con queste condizioni vincerà chi rimane in piedi”

Danilo è secondo in griglia a Le Mans “Partire nelle prime file era l’obiettivo. Ma Marquez e Vinales ne hanno di più di tutti”

MotoGP: Petrucci: “Con queste condizioni vincerà chi rimane in piedi”

Finalmente una buona qualifica con la Ducati ufficiale per Danilo Petrucci che sul circuito Bugatti di Le Mans si è preso la seconda posizione e partirà in prima fila di fianco a Marc Marquez (primo) e Jack Miller (terzo).
Il pilota ternano ha centrato l’obiettivo dichiarato al giovedì - “voglio partire nelle prime due file” aveva detto – grazie alla strategia Ducati.

“Abbiamo pensato che la cosa migliore sarebbe stata uscire con le rain per vedere le condizioni della pista e provare a spingere per mettere al sicuro almeno un tempo per poi magari fare un’uscita con le slick, come Rossi nel Q1, ma non c'è stata l'opportunità. Sapevamo che le condizioni potevano solo peggiorare”.

Oltre alla strategia, però, Danilo è riuscito anche a percorrere delle buone linee sulla GP19, esprimendosi al massimo da quando è in Ducati.

“Oggi ho fatto quello che volevo e mi è piaciuto – ha detto Petrucci - Le condizioni meteo mi hanno dato un'opportunità che non potevo non sfruttare. Nelle altre qualifiche ho sempre fatto un errore, poi in gara andavo bene e per questo ho sempre avuto il dubbio di cosa mi sarei potuto giocare partendo più avanti. Sono curioso di vedere come potrò gestire questa gara”.

Abbiamo detto di qualifiche difficili a causa delle condizioni della pista (bagnata ma non troppo) e della strategia che è stata importantissima per conquistare le prime file, ma domani, in gara, quale potrà essere la strategia per fermare Marquez?

“Marquez e Vinales vanno più forte in tutte le condizioni, sono i più veloci – ha affermato Petrucci - Marc ha il vantaggio di partire davanti e credo che non aspetterà gli ultimi giri per provare a vincere. Dovremmo cercare di stargli più vicino possibile ma non so se ho il passo per restare con lui, dipende se arriverà anche qualcun altro. Dovremmo provarci negli ultimi giri ma non sarà facile visto che anche lo scorso anno ero molto vicino a lui e non sono riuscito a passarlo. Sarà complicato ma di sicuro voglio rimanere nelle posizioni di testa domani.”

Il meteo, sicuramente, sarà una variabile cruciale. Quali sono le condizioni previste?

“Non abbiamo la certezza di quanto pioverà domani ma in ogni caso sarà difficile per tutti. Se ci dovessero essere le stesse condizioni della Q2 penso sarà dura stare in piedi per tutta la gara, le gomme da bagnato non possono arrivare fino in fondo e la scelta degli pneumatici sarà un terno al lotto”

Quale potrebbe essere, quindi, la strategia vincente?

“Con queste condizioni poco prevedibili, fare una scommessa potrebbe essere la mossa giusta o anche una tragedia – ha continuato Danilo – Potremmo partire con le slick, fare i primi giri molto piano e poi magari pensare di avere un vantaggio nel caso in cui la pista si asciugasse. Ma non abbiamo garanzie perché se così non dovesse essere rischiamo di buttare via una gara”.

Ad ogni modo sarà complicatissimo scegliere anche perché Le Mans, da questo punto di vista non aiuta per niente i piloti.

“Sarà molto difficile, in FP4, per esempio sono andato molto forte, poi ho provato a rifare le stesse cose in qualifica ma la pista, anche se sembrava uguale, mi ha dato sensazioni diverse. L'asfalto di Le Mans è molto scuro e si fa fatica a capire dove è bagnato e dove è asciutto. Correre domani con le condizioni di oggi è la situazione che tutti temiamo, perché puoi vincere o perdere con poco sforzo”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti