Tu sei qui

MotoGP, Yamaha, quando il diavolo fa le pentole, ma non...i cucchiai

GALLERY La genesi e la trasformazione del famigerato spoiler attaccato al forcellone che oggi tutte le MotoGP hanno (Suzuki a parte) dopo il rigetto del reclamo a Ducati

MotoGP: Yamaha, quando il diavolo fa le pentole, ma non...i cucchiai

Ormai manca solo la Suzuki e poi l'intera MotoGP sarà 'apparecchiata' con il famoso (o famigerato?) cucchiaio.

In attesa che le regole dell'aerodinamica siano riviste, come ha anche promesso anche il nuovo Presidente Fim Jorge Viegas, è evidente che, almeno in questo caso, la faccenda è scappata di mano a Danny Aldridge.

Il suo errore, infatti, ha aperto le porte ad un dispositivo che promette una cosa per farne un'altra.
Davide Brivio è stato tranciante, nei giorni scorsi: "la Suzuki ha condotto uno studio aerodinamico ed è evidente che il cucchiaio genera un carico importante in quella zona".

Basterebbe questo ma, come è noto, il diavolo fa sempre e solo le pentole, giammai i coperchi...e figuriamoci i cucchiai!

Nella sua forma originale il cucchiaio Yamaha era un semplice deviatore del flusso d'acqua sotto-carena

Ecco dunque la genesi del famoso spoiler che nelle intenzioni degli ingegneri di Iwata - leggi Yamaha - avrebbe dovuto diminuire il fenomeno dell'aquaplaning, ed in effetti, probabilmente con quell'obiettivo funzionò quando fu provato a Valencia, sotto l'acqua, l'anno scorso.

Come potete vedere dalle immagini, però, la forma del dispositivo era ben diversa da quella attuale.

Ecco la forma attuale del cucchiaio Yamaha usato a Jerez: è leggermente cambiato, non è vero?

La stessa Yamaha, nell'adottarlo, ieri a Jerez, si è resa conto di quale vantaggio poteva ottenere utilizzando quella individuata nelle prove in galleria del vento dalla Ducati.

E se la stessa Yamaha ha ritenuto opportuno copiare i rivali, crediamo che non ci sia bisogno di ulteriori prove.
Il primo cucchiaio era un deviatore, e si vede chiaramente come fosse in grado di allontanare il flusso d'acqua. Il secondo, beh, giudicate voi.

Curiosamente gli unici a replicare il cucchiaio originale, quindi con funzioni unicamente di deviatore, sono stati gli ingegneri della KTM. Ingenuità o onestà assoluta?

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti