Tu sei qui

MotoGP, Iannone: "Pensare di lottare con i migliori è da presuntuosi"

Andrea, 15° davanti a Rossi, scherza sul cucchiaio: "Siamo riusciti ad attaccare un adesivo in più. Il telaio? Lo proveremo lunedì"

MotoGP: Iannone: "Pensare di lottare con i migliori è da presuntuosi"

La notizia di giornata è che l’Aprilia di Andrea Iannone è quella più veloce tra le RS-GP presenti sulla pista di Jerez. The Maniac archivia infatti il venerdì con il quindicesimo tempo, precedendo addirittura la Yamaha di Valentino Rossi. Occhio però al distacco dalla vetta, che supera i sette decimi.

“Stiamo lavorando bene - ha esordito il 29 - abbiamo apportato delle modifiche alla moto che hanno dato dei miglioramenti, ma ancora non bastano. Durante questa prima giornata ci siamo poi dedicati al confronto tra le due RS-GP, le quali sono diverse – ha aggiunto – personalmente posso dire di avere le idee chiare, ma serve trovare il giusto compromesso e non è facile”.

Iannone guarda quindi il bicchiere mezzo pieno.

Qua a Jerez pensavo che la situazione fosse peggiore, dato che a novembre ho faticato,  invece stiamo andando abbastanza bene per quelle che sono le nostre aspettative”.

Non manca poi un accenno al telaio?

A dire la verità non ho provato nessun telaio ad Austin, ma mi sono concentrato solo sull’assetto, cercando di curare la distribuzione dei pesi. Per provare il telaio c’è tempo, dato che abbiamo i test lunedì”.

L’attenzione del pilota di Vasta passa poi sulle difficoltà incontrate con la RS-GP sul tracciato spagnolo.

“In generale soffriamo ovunque, non c’è un punto determinato. Posso dire che nel terzo settore fatico di più rispetto agli altri, di conseguenza devo rallentare meglio la moto, dato che sarebbe utile a compiere un passo avanti. In questo momento non dobbiamo nemmeno pensare ai migliori, perché siamo in una situazione diversa. Dire che possiamo lottare con i migliori è da presuntuosi e noi non lo siamo”.

Iannone cita però un aspetto.

“In frenata dobbiamo fare qualcosa di più, cercando come detto di ridurre la velocità.  Credo che questa sia una priorità in una pista come Jerez”.

Il cucchiaio?

“Siamo riusciti ad attaccare un adesivo in più (sorride)”.

Audio raccolto da P. Scalera.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti