Tu sei qui

MotoGP, Bagnaia: “Veloce e non per caso: qui sono più vicino"

Pecco soddisfatto dalla partenza a Jerez: "peccato non essere riuscito a sfruttare la gomma morbida, ma i miei esperimenti hanno funzionato"

MotoGP: Bagnaia: “Veloce e non per caso: qui sono più vicino"

Decimo tempo nelle FP2 per Pecco Bagnaia davanti al suo compagno di team Jack Miller e 13° nella combinata. Una buona giornata per il pilota di Pramac ma con anche un po’ di sfortuna, non essendo riuscito a tentare l'attacco al tempo con le gomme morbide a causa delle cadute di Abraham e Smith che hanno portato alla bandiera rossa.

Stamattina non ero molto soddisfatto, purtroppo non siamo riusciti a trovare subito un buon assetto ma abbiamo recuperato nelle FP2 dove mi sono subito trovato meglio - spiega Pecco -  Sono andato molto bene con la gomma dura al posteriore, ed era importante capire fin da subito se funzionava o meno. Ho girato in 1'38"5 e stavo andando in progressione, ma nella seconda uscita abbiamo provato una modifica che non mi è piaciuta particolarmente e poi c’è stata la sfiga della bandiera rossa proprio quando ero entrato con le gomme nuove. Tornato in pista il vento era forte e non mi sono migliorato. Comunque quello di oggi è stato un buon lavoro”.

Ad un certo punto del turno Bagnaia si era ritrovato in quinta posizione, molto sicuro con la gomma dura al posteriore con la sua GP18. Francesco Guidotti, a metà sessione, aveva espresso il suo stupore per questo tempo dicendo che nemmeno Pecco sapeva bene come e perché lo avesse fatto.

In verità non è proprio così - ha sorriso - Sento la moto molto sincera, quello non è stato un tempo è casuale ma confesso che non me lo aspettavo. Da debuttante, uso le prove libere anche per provare cose nuove: in quel giro ho ritardato le frenate e mi sentivo molto bene, con un buon sostegno dalla gomma anteriore, questo ha fatto la differenza. È positivo aver girato forte con le gomme dure, ero quinto e il ritmo era buono, poi gli altri hanno messo le morbide e io non sono riuscito a fare il tempo”.

Positiva quindi la giornata di Pecco Bagnaia che ha lavorato soprattutto in ottica gara: il suo miglior piazzamento in classe regina è stata la 9ª  posizione di due settimane fa ad Austin. Il torinese pare in netta progressione, cosa possiamo aspettarci domenica?

“La buona uscita con la gomma dura è positivo in ottica gara, ma devo sfruttare questo potenziale al massimo anche per i prossimi turni - ha detto - Mi sento più vicino ai migliori rispetto alle altre piste perché qui ho girato nei test a novembre e avevo preso già le misure. La moto è cambiata molto da allora ma mi sono trovato bene fin da subito”.

AUDIO RACCOLTO DA MATTEO AGLIO

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti