Tu sei qui

MotoGP, Michelin: 'pioggia' di gomme a Jerez per il nuovo asfalto

Non avendo potuto effettuare test dopo i lavori, i piloti avranno a disposizione 4 opzioni per anteriore e posteriore invece delle solite 3

MotoGP: Michelin: 'pioggia' di gomme a Jerez per il nuovo asfalto

Solitamente Jerez è un circuito che non ha segreti per i piloti, ma quest’anno le cose sono un po’ diverse. La scorsa stagione, infatti, i piloti si erano lamentati del lavoro di riasfaltatura e i dirigenti del circuito lo hanno accontentati sostituendo, nell’inverno, gran parte dell’asfalto del tracciato.

I problemi dovrebbero essere risolti, ma non è stato possibile organizzare dei test prima del Gran Premio e Michelin dovrà affidarsi alle informazioni raccolte dalla ditta che ha effettuato i lavori. Per fortuna, il regolamento viene in soccorso in queste occasioni e per la gara in Spagna gli uomini di Clermont-Ferrand potranno mettere a disposizione dei piloti quattro opzioni di pneumatici anteriori e quattro posteriori invece delle solite tre.

I piloti potranno scegliere quindi fra quattro mescole: una soffice, una media e due dure, con costruzione simmetrica per l’anteriore, mentre sarà asimmetrica al posteriore con il lato destro più duro. In caso di pioggia, le gomme rain saranno disponibili in mescola morbida e media (anche in questo caso le posteriori saranno asimmetriche).


Piero Taramasso, responsabile di Michelin sui campi di gara, spiega le difficoltà che dovrà affrontare: “questo fine settimana rappresenterà un altro grande banco di prova per noi e ricorda il nostro ritorno in MotoGP nel 2016. In quell’anno andavamo in molte piste dove non avevamo dati e questo fine settimana troveremo una situazione simile perché la pista è stata riasfaltata da quando abbiamo fatto i test lo scorso novembre. A causa di questo, siamo autorizzati dal regolamento a portare quattro specifiche per l’anteriore e quattro per il posteriore di pneumatici slick, quindi abbiamo selezionato una gamma che crediamo si adatterà all'asfalto del circuito secondo le informazioni che abbiamo ricevuto dalla società che ha fatto il lavoro e dal circuito. Siamo fiduciosi di avere le mescole giuste per il nuovo asfalto non vediamo l'ora di correre in Europa dopo un inizio di stagione frenetico”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti