Tu sei qui

MotoGP, Bagnaia: è la mia miglior qualifica, ma due cadute non ci volevano

"Non capisco, ieri avevo una confidenza pazzesca. Speriamo che non ci sia vento in gara, qui ad Austin da molto fastidio"

MotoGP: Bagnaia: è la mia miglior qualifica, ma due cadute non ci volevano

Una dodicesima posizione a oltre due secondi dal poleman Marc Marquez non può soddisfare Pecco Bagnaia, che inoltre è incappato in ben due cadute. Una rarità per un pilota che non sbaglia molto. Ma anche per il campione del mondo della Moto2, la MotoGP è un altro mondo.

“Sono state due cadute identiche: stesso modo e stessa velocità, solo due curve diverse. Non me l’aspettavo visto che ieri la mia confidenza con la moto era pazzesca, riuscivo a frenare molto bene e fare tutto per il meglio. Oggi però, già in FP4, sentivo che c’era qualcosa che mi disturbava. Stessa cosa è successa in qualifica dove si spinge di più e si è più al limite, per questo sono caduto. Ora guarderemo bene i dati per capire meglio ciò che è successo. In tutto il resto della pista mi sento bene, sono veloce e quindi se risolviamo questo problema direi che siamo abbastanza a posto, abbiamo il ritmo per stare in top 10 e dobbiamo sfruttarlo in gara. Spero che rispetto ad oggi ci sia meno vento perché qui ad Austin disturba molto più che in altre piste”.

E' stata, nel complesso, una giornata complicata per via delle sessioni cancellate, della FP4 mezza bagnata e mezza asciutta

“Si, questo non ci ha aiutato, se avessimo avuto anche la FP3 ci saremmo accorti prima del problema e lo avremmo risolto, ma tra FP4 e qualifiche c’era troppo poco tempo”.

Miglior qualifica in MotoGP per il 22enne torinese che al debutto nella top-class in Qatar era scattato dalla tredicesima casella e due settimane fa in Argentina dalla diciassettesima.

“Oggi è la mia miglior qualifica ma oggi il potenziale per fare ancora meglio c’era. Non voglio dire una posizione in particolare ma sicuramente non ero da dodicesimo posto. Ma sono fiducioso, abbiamo molto potenziale”.

Audio raccolto da Andrea Rossi

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti