Tu sei qui

MotoGP, P. Espargarò: "La KTM non soffre le buche, ha mentalità da Cross"

Pol è 5° e scherza dopo aver conquistato la migliore qualifica in MotoGP per la Casa austriaca: "Ho seguito Vinales, mi è sembrato di volare"

MotoGP: P. Espargarò: "La KTM non soffre le buche, ha mentalità da Cross"

Pol Espargarò rappresenta forse la più grande sorpresa delle qualifiche ad Austin. Lo spagnolo ha conquistato una quinta posizione in griglia che rappresenta la miglior posizione di sempre per la KTM in MotoGP. Un risultato davvero inatteso, conquistato con grande talento, totale abnegazione e anche un pizzico di buon mestiere.

Perché se è vero che Pol è in questo momento l'unico in grado di spremere il 100% del potenziale della moto austriaca, è altrettanto vero che in una sessione di qualifica strana come quella odierna aver trovato in pista un gancio niente male quale può essere rappresentato da Maverick Vinales ha certamente aiutato, come lo stesso Pol ha riconosciuto. 

"Ho fatto una cosa incredibile, nessuno si sarebbe aspettato un risultato del genere, incluso me. Sono stato anche un decimo più lento rispetto a ieri, la pista non era in perfette condizioni dopo la pioggia. Fortunatamente ho trovato Vinales in pista e devo ringraziarlo, perché stava spingendo proprio davanti a me. Io non pensavo che sarei stato in grado di seguirlo, invece sono riuscito a restare attaccato a lui e al T4 l'ho raggiunto. Mi sembrava di stare volando, è stato incredibile".

Magari adesso avrai voglia di lottare per la top five anche in gara.

"Dobbiamo restare realisti, questa non è la nostra posizione in condizioni normali. Un giro secco lo puoi fare, anche se oggi era difficile per tutti, me compreso. Domani in griglia sarò in una posizione che mi permetterà di imparare tanto, partendo così vicino ai migliori. Oggi abbiamo fatto un ottimo lavoro, domani sarà divertente in gara. Dovrò cercare di finirla e sperare di farlo in una buona posizione". 

Quindi il podio di Valencia non è alla portata qui?

"Domani non potrò lottare per queste posizioni, la zona in cui noi possiamo lottare in modo naturale è più indietro. Ma sarà importante nei primi giri restare con il gruppo dei piloti davanti, credo che mi divertirò in partenza e dopo tenterò di trovare il mio ritmo e anche di capire quale sarà il gruppo con cui mi giocherò la gara". 

In tanti si sono lamentati per le buche di questo asfalto. La KTM non le soffre così tanto?

"La moto non soffre troppo le buche perché la KTM ha portato su questa moto la filosofia del Cross! (ride, ndr) Quando la pista è difficile come lo era oggi,  i piloti non riescono a spremere il 100% del potenziale della moto. Ci devi mettere qualcosa di tuo, sfruttare uno stile più aggressivo ed io ho uno stile abbastanza aggressivo. Quindi devo dire che mi sono divertito!".

Oggi è stato un sabato strano, magari questo ti ha aiutato per fare qualche azzardo in più?

"E’ stata una mattinata folle, non abbiamo girato per niente. In FP4 avevo visto che sembrava tutto più difficile di ieri, che la moto non andava, non riuscivo a chiudere le curve. C’era anche molto vento, era davvero difficile. Alla fine ho fatto un giro davvero molto veloce in Q2  se lo compariamo allo stato della pista in quel momento. Ieri avevamo fatto un buon giro, oggi ho spinto oltre il limite mentre seguivo Maverick e mi sembrava un buon giro già solo guardando la strumentazione. Io riesco a spingere oltre certi limiti, quando provo a spostare l’asticella più in alto a volte ci riesco, ma si parla di un singolo giro. Se pensiamo alla gara ed al ritmo che ci vuole, la situazione sarà senza dubbio più difficile". 

Dove pensi che la KTM debba fare un salto in avanti rispetto ai rivali qui?

"Il nostro punto debole qui è forse nei cambi di direzione, se paragono le nostre prestazioni a quelle di Maverick o Marc. Io mi sentivo al limite soprattutto con la media e non so se con il bagnato avrei potuto ottenere un risultato simile. In ogni caso sta andando tutto benissimo, decisamente meglio di quello che mi aspettavo qui. Domani mi godrò il momento in griglia, non voglio mettermi pressione addosso". 
 

Oggi abbiamo visto per la prima volta il vostro cucchiaio.

"Si, ma non ho provato il deflettore, l’aveva montato Johann. Non era nel mio piano di lavoro per oggi. Serve solo per deviare l’acqua. Magari fa anche un po’ di drag aerodinamico, ma non è questa la nostra mentalità". 

Ma sei curioso di provarlo?

"Se riesce a creare un po’ di drag sul posteriore credo che monteremo in futuro una soluzione simile a quella Ducati. Noi adesso possiamo usarlo per irrigidire il forcellone, o per raffreddarlo o per altri motivi! Ma credo che KTM stia pensando allo stesso scopo per cui lo utilizza la Ducati". 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti