Tu sei qui

Partito a Misano il Trofeo Italiano Amatori 2019

In 200 in pista. Vittorie a Crestanini (600 Base), Zappon (600 Avanzata), Torrisi (600 Pro),  Isgrò (1000 Base), Rossi (1000 Avanzata) e Bizzotto, (1000 Pro)

News: Partito a Misano il Trofeo Italiano Amatori 2019

Avvio in grande stile per l’edizione 2019 del Trofeo Italiano Amatori, quindicesima della serie. Al Misano World Circuit “Marco Simoncelli”, la prima prova dell’unico campionato nazionale concepito per i non-professionisti ha raccolto circa 200 adesioni ed ha proposto gare come sempre spettacolari ed equilibrate, proprio come promette la formula.

A dare una mano ci si è messo anche il tempo che, smentendo previsioni per nulla favorevoli, è stato decisamente clemente anche la domenica. Alla pioggerella della prima mattina si è infatti sostituito un clima variabile, con ampi squarci di sole e un vento fresco e teso che ha rapidamente asciugato e poi mantenuto in condizioni ideali l’asfalto.

Ecco dunque vincitori e protagonisti del primo round del Trofeo Italiano Amatori 2019. Nella 600 Base si è imposto il quarantaseienne veronese Nicola Crestanini (Yamaha), autore anche del giro più veloce in 1’44”9, che ha preceduto il ventenne brianzolo Roberto Bellebono (Kawasaki) ed il trentunenne abruzzese Alessandro D’Ancona (Yamaha). Quarto Giovanni Calvo (Honda), ventiquattrenne siciliano della provincia di Ragusa, esordiente assoluto, partito dalla pole position con un solo turno di qualifiche.

Nella 600 Pro  vittoria del catanese Salvo Torrisi (Yamaha), 30 anni, al debutto con i colori della Scuderia D’Ettorre Racing, autore anche della pole position, che ha preceduto il cinquantenne piacentino Carlo Corsini (Yamaha) ed il quarantaduenne barese Vincenzo Ostuni (Yamaha), che ha firmato il giro più veloce in 1’43”4.

La classifica della 600 Avanzata, categoria come sempre raggruppata con la Pro, vede prevalere il ventottenne rodigino Mirko Zappon (Honda), vice-campione 2018 della 600 Base, davanti al quarantasettenne bresciano Corrado Fornari (Kawaswaki) ed al ventunenne esordiente Francesco Alagna (Yamaha), di Ferrara.

La gara A della 1000 Base ha visto il successo di un altro siciliano, il quarantaduenne messinese Santo Isgrò (Yamaha), che ha avuto la meglio su due romagnoli, entrambi esordienti, Dario Schenetti (Yamaha), 28 anni, di Cesenatico, wild card, autore del giro più veloce in 1’45”6, e Thomas Stringara (BMW), 38 anni, di Cesena. Ricca di colpi di scena la gara B della 1000 Base con vittoria del ventiquattrenne debuttante romano Michele Scuderi (Ducati) davanti ad altri  due esordienti, il trentatreenne catanese Rosario Granata (Suzuki) ed il trentunenne potentino Vincenzo Barbangelo (Kawasaki).

Nella 1000 Avanzata il successo è andato al quarantacinquenne marchigiano Gabriele Rossi (Yamaha), che ha firmato il giro più veloce in 1’43”4, davanti al mantovano Pietro Sartori (Kawasaki), 38 anni, ed al cinquantenne veneto Alessandro De Momi (BMW).

Doppietta, infine, nei due round della 1000 Pro per il veneto Matteo Bizzotto (Yamaha), 36 anni, scattato dalla pole position, che ha avuto la meglio in gara 1 su Gianpiero Galante (Yamaha) e Pierluigi Domenighini (Kawasaki) ed in gara 2 sul campione in carica Alessandro Rossi (Yamaha) e Tiziano Traini (BMW). In entrambi i casi Bizzotto ha siglato anche il miglior tempo sul giro scendendo domenica ad 1’40”5, più basso della sua stessa pole position.

Ha perfettamente superato il test anche una delle novità dell’anno e cioè il ruolo di fornitore di pneumatici assunto dall’organizzatore Daniele Alessandrini e dal Moto Club Motolampeggio. Il meccanismo ha funzionato senza alcun intoppo, con soddisfazione dei piloti. Ennesima promozione, a pieni voti, anche per la monogomma del trofeo: il pneumatico Metzeler Racetec RR ha come sempre offerto affidabilità e semplicità d’impiego, consentendo ottime prestazioni.

Immagini cortesia: Foto Agenzia 31

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti