Tu sei qui

MotoGP, Albesiano: la sentenza è ermetica, ma cambierà il meccanismo di approvazione

"L'arrivo dell'aerodinamica in MotoGP ha introdotto un nuovo livello di difficoltà anche nella gestione. Il sistema di controllo dovrà essere migliorato"

MotoGP: Albesiano: la sentenza è ermetica, ma cambierà il meccanismo di approvazione

Romano Albesiano, direttore tecnico di Aprilia, forse si aspettava una sentenza diversa dalla FIM, o quantomeno, da ingegnere, delle spiegazioni chiare.

"Invece ciò che abbiamo avuto è una decisione ermetica. Non è stata infatti fornita alcuna motivazione della sentenza. Spero che sarà pubblicata, prima o poi, non è sufficiente dire è così e basta".

Dopo Doha dunque non cambia niente, oppure no?

"In ogni caso è cambiato qualcosa, è stato molto utile sollevare la problematica. Il sistema con cui erano gestiti questi problemi ha mostrato il suo limite, deve essere modificato e migliorato. A priori ora bisogna migliorare il sistema prima che si creino altre controversie. Deve cambiare il meccanismo di approvazione e definizione delle regole perché è chiaro che indipendentemente dalla sentenza tutti avevano le nostre ragioni. Bisogna fare le cose meglio".

Cos'è che ha cambiato così tanto le cose.

"L'arrivo dell'aerodinamica di un certo tipo in MotoGP ha introdotto un nuovo livello di difficoltà anche nella gestione. Per questo deve essere adeguato il sistema delle autorizzazioni, ci vuole una particolare competenza per fare certe valutazioni".

Per essere più chiari...

"Per un oggetto è stato dichiarato uno scopo di un certo tipo, ma senza competenza specifica non si può valutare se l'affermazione era corretta o meno. Per carità, sarà stato fatto tutto in buona fede ma è evidente la forzatura".

Appena arrivato Massimo Rivola si è trovato nella bufera.

"Massimo viene da un mondo abituato a reagire a reazioni non chiare. Noi Case motociclistiche invece abbiamo sempre accettato questo stato di cose, ci siamo passati sopra. Il punto di vista di Rivola è quello del rigore. Ora però tutte le Case hanno seguito questo tipo di approccio ed è giusto che sia così".

Cambiando argomento, Rio Hondo piace molto ad Aleix Espargarò, potrebbe centrare un exploit.

"Non siamo alla ricerca di questo ma della crescita. Qui abbiamo qualcosa di nuovo. specie a livello di elettronica. Un mattonino in più automaticamente ci porterà in una posizione migliore".

Sei reduce all''All Stars' Aprilia il cui risultato è stato superiore alle aspettative. Cosa ti ha dato?

"La passione verso il marchio che abbiamo scoperto alla All Stars è stata supermotivante. Anche responsabilizzante. L'Aprilia è un grande marchio e ne siamo consapevoli da sempre, ma vedere questo amore e questa passione e ciò che ti fa lavorare giorno e notte per portare l'Aprilia lì dove deve essere nella massima categoria. E' per ciò che rincorriamo questo sogno".

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti