Tu sei qui

MotoGP, Dall'Igna: "Le ali Honda sono pericolose, forse faremo reclamo"

"Hanno una base esile, potrebbero essere considerate appendici mobili. Honda ha messo in discussione l'operato di Aldridge, per questo consideriamo di muoverci anche noi"

MotoGP: Dall'Igna: "Le ali Honda sono pericolose, forse faremo reclamo"

Come ampiamente previsto, il reclamo presentato da Honda, Aprilia, Suzuki e KTM nei confronti della Ducati al termine del Gran Premio del Qatar ha aperto un vero confronto a fuoco tra le parti. Da un lato c'è la Casa di Borgo Panigale, certa di aver agito seguendo le regole e rassicurata dall'approvazione di Danny Aldridge, Responsabile Tecnico della MotoGP.

Dall'altro lato di quello che sembra sempre di più un ring, ci sono i Costruttori che ritengono quella soluzione aerodinamica un inganno, un modo molto furbo di aggirare le regole. Il punto è che il livello del confronto, dopo questa manovra, si è spostato sempre più in alto e oltre ad attendere il verdetto che sarà espresso prima della seconda tappa del mondiale in Argentina, Ducati ha deciso di agire, contrattaccando.

Lo ha fatto in prima persona Gigi Dall'Igna, che dopo la nostra intervista esclusiva (QUI trovate anche l'audio), ha parlato con i colleghi di Sky Sport, durante la quale ha deciso di rispondere a modo suo alle accuse, chiarendo che anche l'operato di Honda sul tema aerodinamico potrebbe essere oggetto di ulteriore verifica. Dall'esterno, sembra di assistere al duello di due spadaccini, tra colpi di fioretto e affondi clamorosi. Peccato che il tutto si svolga alle spalle dei veri protagonisti, ovvero di quei piloti che sono in pista e che rischiano la pelle per portare a casa il risultato ogni domenica in pista, salvo poi vedersi strappare una coppa di mano in altri luoghi.

"Sono rimasto direi abbastanza sorpreso - ha dichiarato Dall'Igna - soprattutto dal comportamento della Honda che è uno dei protagonisti del motomondiale fin dall'inizio, è uno dei soci fondatori della MotoGP insieme a Ducati e Yamaha".

C'è in particolare un aspetto sul modus operandi della Honda che ha lasciato molto perplesso il vulcanico ingegnere veneto.
"Fino a oggi, tutte le dispute di natura tecnica erano state risolte o all'interno della MSMA, oppure discutendo insieme al direttore tecnico, trovando sempre una risposta a tutti i chiarimenti che i vari competitor ponevano sul tavolo".

Secondo Dall'Igna, la scelta di operare in questo modo cambierebbe molto lo scenario tecnico, mettendo in condizione la Ducati di contestare altre decisioni prese da Aldridge. 

LE ALI HONDA CONTESTATE DA GIGI DALL'IGNA


"Il fatto che Honda abbia messo in discussione le scelte del direttore tecnico ci mette nella condizione di porci il problema se fare noi un eventuale reclamo nei confronti della Honda per le sue ali, che onestamente noi giudichiamo pericolose. Oltretutto per come sono fatte, per quanto è esile la loro base, potrebbero anche essere soggette a deformazioni importanti.

L'eventuale capacità da parte di Ducati di dimostrare che queste ali possano modificare la propria forma quando sottoposte a certi carichi, come avveniva qualche anno fa in Formula 1 con alcune soluzioni aerodinamiche poi proibite, apre ovviamente un potenziale vaso di Pandora. 
"Succederebbe per i carichi che subiscono e quindi magari anche essere considerate delle appendici mobili. Noi non l'avevamo mai preso in considerazione, ma se la Honda ha messo in discussione l'operato di Danny Aldridge, questo ci consente di pensare a un eventuale reclamo nei confronti di Honda nelle prossime gare".

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti