Tu sei qui

MotoGP, Rossi: "Per Vinales è la migliore M1? Spero sia vero"

Giornata no per Valentino (19°): "normale essere preoccupato quando sei così indietro, tanto lavoro ma non abbiamo trovato nulla"

MotoGP: Rossi: "Per Vinales è la migliore M1? Spero sia vero"

Share


La classifica questa volta non mente e il 19° tempo di Valentino (unico pilota a non migliorare il tempo di ieri) riflette le sue difficoltà. Nella prima giornata il Qatar sembrava avere confermato le buone impressioni sulla M1 2019, ma oggi tutto è cambiato.

Vinales la definisce “la migliore Yamaha che abbia mai guidato”, Rossi fa spallucce: “se lo dice lui sono d’accordo. Spero con tutto il cuore che Maverick abbia ragione e che sia io a sbagliarmi perché credo che al momento non siamo abbastanza forti per puntare alla vittoria”. Del resto il suo compagno di squadra è agli antipodi della classifica, al 2° posto, davanti al compagno di marca Quartararo.

Maverick e Fabio sono stati veloci, io e Morbidelli più nei guai - continua il Dottore - Sono stato troppo lento, non posso essere felice. Al momento non saprei dire se domani riusciremo a cambiare la situazione, so so che ci manca qualche decimo di passo dai migliori”.

Mancando solo un giorno di test alla prima gara, Valentino non può dormire sonni tranquilli.

Quando ti trovi così indietro sei anche preoccupato, è normale - afferma - Purtroppo è stata una giornata difficile, abbiamo lavorato tanto ma non abbiamo trovato nulla. È un peccato, perché abbiamo provato cose importanti e speravamo di migliorare, invece non ho mai avuto grip al posteriore, mentre l'anteriore mi soddisfa. A fine giornata ho montato una gomma morbida ma non ho dato il massimo, sapevo che non sarei stato comunque veloce”.

In questi casi, l’unica soluzione è quella di spulciare i dati e cercare una nuova strada da seguire.

Faremo così - conferma Rossi - Ieri avevamo lavorato su un setting di base, oggi su assetti, bilanciamento dei pesi ed elettronica, ma non siamo riusciti a risolvere il problemi. La moto scivola molto e inoltre, su questa pista, soffriamo troppo sul rettilineo, molto più che a Sepang. Resta il fatto che 10 Km/h in meno rispetto a Ducati e Honda sono molti, è logico che sia preoccupato”.

Articoli che potrebbero interessarti