Tu sei qui

MotoGP, Quartararo: "Il mio 3° tempo? Ho spento il cervello"

"La prima gara mi aiuterà a capire dove concentrarmi per migliorare". Morbidelli 13°: "devo capire perché non sono veloce con la gomma nuova"

MotoGP: Quartararo: "Il mio 3° tempo? Ho spento il cervello"

Se nei test di Sepang era stato Bagnaia la sorpresa, oggi in Qatar quel titolo se lo è meritato Fabio Quartararo. Il debuttante del team Petronas ha piazzato il 3° tempo, a soli tre decimi da Rins. Una prestazione sicuramente da incorniciare per il francese.

Per la prima volta da quando guido una MotoGP, ho montato la gomma nuova e ho spento il cervello - sorride - Dico la verità, non credevo neanche io a quel tempo e in più sono riuscito a essere veloce per tre giri di fila, senza seguire nessuno”.

Non è stato un caso, perché Fabio sta lavorando con metodo.

Montare gomme usate mi ha aiutato, anche per il giro secco - spiega - In questi giorni ci siamo concentrati soprattutto sul passo di gara e sono contento dei progressi, riuscivo a essere veloce anche dopo più di una decina di giri”.

Quartararo, comunque, non vuole montarsi la testa e sa che il bello deve ancora venire.

So che devo ancora migliorare sotto tutti gli aspetti, penso che correre la prima gara mi aiuterà a capire dove concentrarmi - dice - Praticamente devo ancora iniziare, ma mi sento bene in questa squadra e voglio fare un passo dopo l’altro. Un obiettivo per il GP del Qatar? Mi piacerebbe stare nei primi 12”.

Fabio si è meritato anche i complimenti del suo compagno di squadra Franco Morbidelli (“si sta adattando molto velocemente alla MotoGP) che invece non ha brillato. Il 13° tempo di giornata è lo specchio di qualche problema di troppo.

Abbiamo fatto un passo avanti rispetto a ieri - garantisce - abbiamo capito alcune cose e acquisendo esperienza sulla M1. Tutto sommato riesco a tenere  un passo decente, ma non sono per nulla competitivo nel giro secco: devo capire perché non riesco a sfruttare la gomma morbida”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti