Tu sei qui

Bagnaia: "Il mio passo vale molto di più della 15° posizione"

"Durante il long run ho avuto la mia prima chiusura di sterzo, non è stato piacevole". Miller: "Buona giornata, tranne per i problemi irrisolti avuti sul finale"

: Bagnaia: "Il mio passo vale molto di più della 15° posizione"


Il secondo giorno di test in Qatar si è chiuso, e Pecco Bagnaia ha fatto anche oggi il suo carico di esperienza e buone sensazioni. L’azzurro ha chiuso 15esimo in classifica, ma gli argomenti da trattare sono tanti e vanno di gran lunga oltre alla singola posizione in classifica. Pecco sorride, e inizia a raccontare.

“Abbiamo lavorato per adattare la moto al mio stile di guida – apre - è stato un giorno positivo in confronto a ieri. Abbiamo provato alcune cose per capire la strada da seguire e siamo cresciuti sull’anteriore, ma serve di più. In generale sono contento, il nostro passo è sicuramente molto meglio di quanto la quindicesima posizione dimostri”.

A proposito di passo, Pecco spiega quale sia stato il problema di questa seconda giorna

“Quando ho iniziato il long run le cose sono andate bene per i primi sei giri, ma poi l’anteriore ha avuto un calo eccessivo, ho avuto la mia prima chiusura di sterzo, non è stato piacevole e mi sono dovuto fermare. Domani dovremo lavorare su ciò. Le gomme che hanno usato gli altri possono ingannare – analizza - dato che molti hanno utilizzato più pneumatici rispetto a noi: abbiamo montato un solo set di gomme nuove e poi un altro per fare il long run”.

In chiusura il 63 si prepara per domani, con la solita voglia matta di tornare in sella alla sua Ducati

"Le MotoGP sono incredibili anche se è più difficile adattarsi rispetto alla Moto2, c’è solo una linea giusta da poter fare. Domani faremo qualche time attack – conclude - in più dato che abbiamo risparmiato delle gomme”.

Leggermente meglio (in classifica generale) è andato Jack Miller, che al pari del compagno conclude la giornata con il buon umore.

“Oggi è andata meglio di ieri. Ci siamo concentrati soprattutto sull’assetto, è andato tutto bene eccetto l’ultima ora, quando ho avuto qualche problema tecnico che non siamo riusciti a risolvere. Avevamo pianificato di fare un tempo migliore sul finale – racconta - ma era rischioso visto i problemi. Sono comunque abbastanza contento dell’assetto, abbiamo modificato la geometria della moto e mi sento più a mio agio”.

A differenza di Pecco però, Jack domani punta a migliorare il proprio ritmo in vista del primo ballo stagione.

“Domani faremo una simulazione di gara, per capire il lavoro delle gomme soprattutto. In particolare vorrei provare la dura all’anteriore, che a Sepang ha lavorato bene”.

Articoli che potrebbero interessarti