Tu sei qui

SBK, Phillip Island: nuova morbida al posteriore per Pirelli

Ecco tutte le soluzioni su cui farà affidamento la casa tricolore in occasione del round inaugurale delle derivate

SBK: Phillip Island: nuova morbida al posteriore per Pirelli

Australia, Phillip Island: primo appuntamento stagionale per il Mondiale Superbike e per Pirelli, che accompagnerà squadre e piloti durante il 2019. Sul tracciato di Victoria i pneumatici sono sottoposti ad un forte e costante lavoro termo-meccanico, soprattutto sul lato sinistro per via dal layout della pista, e solitamente si assiste ad un surriscaldamento di una zona dello pneumatico ma al contempo si è anche sull’angolo massimo di piega che genera forze di deriva diverse con torsione e lavoro obliquo molto forti. Phillip Island ha quindi la caratteristica di essere un circuito capace di generare allo stesso tempo sia stress meccanico che stress termico costanti per gli pneumatici.

In seguito ai dati e alle informazioni ricevute dai piloti, Pirelli ha deciso di confermare anche per il fine settimana di gara quasi tutte le soluzioni che sono state utilizzate durante i test, a cui si affiancheranno anche altre soluzioni di sviluppo.

Le soluzioni di gara:
 
Nella classe WorldSBK i piloti, oltre ai pneumatici intermedi e da bagnato che sono comunque sempre presenti a tutti i round in caso di meteo avverso, avranno a disposizione sei soluzioni slick, tre anteriori e altrettante posteriori. Le opzioni anteriori, tutte utilizzate anche durante i test, sono le nuove SC1 di gamma in mescola morbida e in misura 120/70 e 125/70 e la SC2 di sviluppo X1071 anch’essa in misura 125/70 ma in mescola media.
Per quanto riguarda le opzioni posteriori, alle due in mescola media SC1 di sviluppo già presenti ai test si aggiunge una terza opzione in mescola morbida SC0. Tutte e tre queste soluzioni sono in misura maggiorata 200/65 e l’opzione in mescola morbida SC0 potrebbe risultare molto interessante per la Superpole® Tissot Race di domenica mattina oltre che come pneumatico di avvicinamento all’utilizzo della gomma da qualifica nella sessione di Superpole® del sabato.
 
In WorldSSP600 i piloti potranno contare su due soluzioni anteriori e altrettante posteriori. Per l’anteriore ci saranno le SC1 e SC2 di gamma già presenti nei test, al posteriore invece le opzioni sono entrambe in mescole SC1: oltre alla SC1 di sviluppo U1149 già vista in azione nel corso dei test, si aggiunge una seconda opzione, la X1434, che come la U1149 si presenta nella misura maggiorata 190/60 ma presenta una struttura pensata per offrire una maggiore resistenza.

 

Categoria: 
SBK

Articoli che potrebbero interessarti