Tu sei qui

MotoGP, Binder: "Bagnaia? Sarei bugiardo a dire che non me l'aspettavo"

"E' il campione della Moto2 e ha un talento incredibile, ero certo che sarebbe andato forte subito. Voglio vincere e andare in MotoGP anche io"

MotoGP: Binder: "Bagnaia? Sarei bugiardo a dire che non me l'aspettavo"

Con il passaggio in MotoGP dei primi due classificati della scorsa stagione, ovvero Bagnaia e Oliveira, il candidato naturale alla conquista del titolo Moto2 per il 2019 è Brad Binder, terzo nel 2018. Il sudafricano si è reso protagonista di un ottimo campionato nella sua terza stagione di permanenza nella categoria di mezzo del mondiale e senza dubbio adesso è il momento giusto per effettuare il salto di qualità definitivo. 

I primi test non sono stati esaltanti se ci si concentra solo nel valutare la prestazione cronometrica, ma Binder ha ormai la maturità per comprendere che i risultati in gara si costruiscono non solo con un giro veloce, bensì con la giusta attitudine nella preparazione dell'intero weekend di gara. 

L’anno scorso ci sei andato molto vicino. Cosa pensi di quest’anno, con anche la novità del motore Triumph?

"Le cose sembrano essersi messe bene. La nuova moto è davvero divertentissima da guidare, molte cose sono diverse. Ci abbiamo lavorato duramente, i ragazzi nella Factory hanno dato il massimo per fornirci un pacchetto competitivo. Credo che possiamo fare un grande lavoro, sono molto eccitato. Il terzo posto della scorsa stagione mi ha reso felice, ma è stata una stagione davvero molto dura per me l’anno scorso. Ma sono pronto a cambiare e raccogliere il miglior risultato possibile". 

Quali differenze hai trovato nel portare in pista la moto con il motore Triumph rispetto al vecchio Honda?

"La nuova moto ha molta più potenza, richiede uno stile diverso per fermare la moto e poi uscire di curva, ma al contempo credo che la moto abbia bisogno di un lavoro di sviluppo ancora. Sento che al momento siamo leggermente indietro rispetto a dove vorremmo essere. Il bilanciamento generale della moto è grandioso, ma ci sono delle cose da sistemare. La cosa importante è che gli ingegneri abbiano fatto un grande lavoro durante la stagione e sento che le cose stanno andando sempre meglio". 

BRAD BINDER - KTM MOTO2

Pecco Bagnaia in MotoGP ha fatto il secondo tempo nei test di Sepang. Ti ha stupito? 

"Forse dovrei dire che sono rimasto sorpreso, ma in realtà non lo sono stato davvero. E’ un pilota dal talento incredibile. Sapendo quanto è stato veloce con la Moto2, mi aspettavo qualcosa di simile in MotoGP, perciò non è stato uno shock vederlo così veloce subito. Credo che farà grandi cose in MotoGP"

Cosa pensi dei tuoi rivali di questa stagione? Ti preoccupa qualcuno in particolare?

"Ci sono diversi ragazzi veloci in questo momento in Moto2, non temo un pilota in particolare. Il livello è molto alto e siamo vicini e secondo me la cosa da tenere sempre bene a mente è che la cosa più importante non sarà il singolo tempo sul giro, quanto il ritmo di gara. Se c’è quindi una cosa su cui voglio concentrarmi e su cui voglio lavorare tutta la stagione, è proprio questo per essere pronto per le gare".

Pensi di restare un’altra stagione in Moto2 e poi passare in MotoGP?

"Voglio vincere quante più gare possibile e se ci riuscirò forse avrò l’opportunità di passare in MotoGP. Se non sarà così, avrò un altro anno per provarci, ma tutto quello che voglio è vincere in Moto2 al momento". 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti