Tu sei qui

SBK, Bautista: “Sono fiducioso, la Panigale V4 ha una base solida”

Davies costretto a rincorrere termina oltre la top ten: “Il test di Portimao è stato estenuante, non sono ancora al livello che voglio”

SBK: Bautista: “Sono fiducioso, la Panigale V4 ha una base solida”

Share


A Portimao Johnny Rea ha recitato la parte di protagonista, ma nei piani alti della classe c’è una Panigale V4 che brilla. È quella di Alvaro Bautista. Il pilota spagnolo è riuscito infatti a portare la Rossa al terzo posto alle spalle della Yamaha di Alex Lowes. Un indizio da non sottovalutare per l’iberico, che nel finale ha risparmiato la gomma nuova.

Questi due giorni di test sono stati positivi – ha commentato Alvaro - ieri è stato un po' più difficile di oggi, dato che si trattava della prima volta in assoluto a Portimao , un circuito molto difficile da imparare e pieno di saliscendi. Di conseguenza ho fatto un po' di fatica, anche se oggi mi sentivo molto più a mio agio e sono riuscito a migliorare”.

Il bilancio di Bautista è quindi positivo.

É l’ultima volta che proviamo la V4 R prima di partire per l’Australia, di conseguenza ho voluto girare il più possibile per conoscere al meglio la nuova moto – ha aggiunto - siamo fiduciosi perché abbiamo trovato una base buona e solida anche se sappiamo che c’è ancora parecchio lavoro da fare.”

Di tutt’altro umore invece Chaz Davies. L’appuntamento portoghese ha messo l’alfiere Aruba a dura prova, tanto da terminare fuori dalla top ten a causa dei problemi di salute rimediati a Jerez.

Sono stati davvero due giorni estenuanti per me in tutti i sensi – ha detto Chaz - a livello fisico non sono ancora completamente guarito dalla contrattura muscolare che ho rimediato alla schiena nel test di Jerez, quindi non mi sentivo ancora a mio agio sulla moto”.

Chaz preferisce però guardare il bicchiere mezzo pieno.

Sono contento di aver concluso i test perché pensavo che non sarei stato in grado di girare – ha sottolineato - la fisioterapia svolta nei giorni scorsi mi ha però aiutato molto. È stato importante continuare il lavoro qui a Portimao per definire un buon assetto di base per la V4 R ed aumentare la mia confidenza con la moto. Non siamo ancora dove vogliamo essere e continueremo a lavorare senza sosta – ha aggiunto -  ma sono fiducioso e non vedo l’ora di andare a Phillip Island per la gara d’apertura.”

Articoli che potrebbero interessarti