Tu sei qui

SBK, Regolamento 2019: novità e chiarimenti per tutte le categorie

Più poteri alla direzione gara, moto di riserva in SBK, motori limitati per le SS, in caso di caduta sul traguardo tempo valido per moto o pilota

SBK: Regolamento 2019: novità e chiarimenti per tutte le categorie

Dopo il varo del Regolamento 2019 arrivano dalla commissione SBK alcuni aggiustamenti alle norme introdotte oltre che alcune novità. Un'aggiornamento valido per tutte e tre le classi: SBK, SS600 e SS300 e coprono sia la parte sportiva che quella tecnica. vediamo nel dettaglio cosa cambia al riguardo:

Per quello che riguarda le Regole Sportive, confermato ovviamente il nuovo format per le sessioni di prove e gare, quello che viene aggiornato è la norma riguardo il tempo in classifica in gara in caso di caduta prima del traguardo. In passato, per essere dichiarato vincitore, il pilota doveva tagliare il traguardo con la sua moto. D’ora in poi, chi tra moto e pilota per primo taglierà il traguardo verrà considerato per registrare il tempo.
Per motivi di sicurezza non sarà più possibile accendere le moto all’interno del box in nessun momento. Le moto dovranno essere accese sulla pit lane.
 
Novità riguarda l'omologazione dei caschi: da ora in poi i piloti della SBK nel 2019 dovranno utilizzare caschi realizzati secondo Regole Sportive e nuovi standard stabiliti dalla FIM per tutte le discipline motociclistiche. Questo sostituisce i diversi standard nazionali usati nel passato. La regola diventerà valida dal 2020 anche per le altre categorie.

Regolamento tecnico - La Commissione Superbike ha approvato un numero di chiarimenti relativi alle regole tecniche.

Per quel che riguarda la SBK, sono stati aggiunti dettagli nel regolamento sull’uso delle ali, la pressione delle gomme sarà specificata e controllata in pista.
Oltre all’attrezzatura scelta dal team per ogni pilota, i team privati avranno la possibilità di iniziare la stagione con una moto di riserva fino a quando non avranno la possibilità di assemblare tutte le parti della Superbike.

Infine sono stati fatti aggiornamenti sulle camere d'aria del carburante - se usate ed i numeri di gara standardizzati per renderli più leggibili (al massimo due cifre).

Tre la SS600 resta confermato il controllo obbligatorio ECU (decisione approvata ad aprile 2018). Previsto un limite al numero di giri (diversi nel caso in cui si tratti di 3 o 4 cilindri) ed è stato introdotto un sistema per bilanciare meglio le prestazioni del motore e aumentare l'affidabilità tra i produttori.
Per contenere i costi, verrà ridotto il numero dei motori, misura che si unisce alla riduzione delle parti in concessione. Anche tra le medie i numeri di gara saranno standardizzati per renderli più leggibili (al massimo due cifre).

Nella categoria cadetta, la SS300, il controllo elettronico sarà opzionale nel 2019 ma diventerà obbligatorio nel 2020, il peso minimo applicato nel 2018 si manterrà anche nel 2019 e oltre. Anche qui numeri di gara standardizzati per renderli più leggibili (al massimo due cifre) 
 
Regolamento disciplinare:

La direzione gara della SBK sarà ora la sola ad operare al momento di dirigere o variare il formato delle prove e delle gare. Gli steward FIM WSBK saranno chiamati a giudicare comportamenti disciplinari durante l’evento e a giudicare le controversie. I FIM Appeal steward dovranno ascoltare e giudicare eventuali appelli su decisioni prese dagli steward della FIM WSBK.
 
Limite di velocità sulla Pit Lane - La sanzione prevista per chi non rispetta il limite di velocità sulla pit lane aumenterà da €150 a €200.
Gli steward FIM WSBK potranno imporre ulteriori sanzioni finanziarie nel caso in cui la stessa norma venga violata più volte durante l’evento. Gli steward avranno inoltre il diritto di aumentare le sanzioni per eccesso di velocità o per ripetizione dell’infrazione durante la stagione.
 
Penalità senza possibilità di protesta o appello -Il Codice Disciplinare contiene una lista di penalità per le quali non si può protestare o fare appello, di solito si tratta di penalità inflitte durante la gara. Gli steward della FIM WSBK potrebbero imporre una penalità sul tempo, solitamente si opta per questa decisione quando non c’è abbastanza tempo a disposizione far pagare la punizione come ad esempio ricorrendo al ride through. La regolamentazione che stabilisce questa materia è stata cambiata per cui quanto una penalità di tempo viene data anziché una penalità non appellabile, il tempo inflitto come penalità non può essere riacquisito con una protesta o un appello.

Categoria: 
SBK

Articoli che potrebbero interessarti