Tu sei qui

BMW R 1200 GS al CES: "io guido da sola"

VIDEO- Debutta a Las Vegas la moto con sistema di guida autonoma. Obiettivo: offrire supporto al pilota in caso di manovre di emergenza

Iscriviti al nostro canale YouTube


Forse un incubo per tanti appassionati: una moto che guida per i fatti propri togliendo il gusto di poter godere dei piaceri della guida. Forse un vantaggio per chi è poco esperto, ma - scherzi a parte -  a ben guardare c'è poco da preoccuparsi e molto da augurarsi. Almeno stando alle intenzioni dei tecnici BMW che, al CES di Las Vegas, la ormai tradizionale kermesse dedicata alla presentazione di nuove e futuristiche tecnologie, hanno fatto debuttare il primo sistema di guida autonoma applicato ad una moto.

Per l'occasione è stata presentata una R 1200 GS in grado di accendersi, accelerare, eseguire manovre in curva, rallentare e fermarsi con tanto di cavalletto. Il tutto completamente in autonomia. Ma - attenzione! - se temete che questo potrà essere una sponda per chi ha voglia di distrarsi alla guida e dedicarsi ad ammirare i panorami o mandare messaggi via WhatsApp, vi sbagliate di grosso. Ed è un bene. Nelle intenzioni degli ingegneri di Monaco, nello sviluppare questo tipo di tecnologia, c'è l'obiettivo di fornire un supporto al pilota in caso di manovre in situazioni di emergenza, dove spesso l'istinto di sopravvivenza può agire in modo dannoso per la nostra stessa incolumità.
Con lo sviluppo di questo Riding Assistant applicato alle moto si potranno  avere preziose informazioni sulla dinamica di guida e che poi potranno essere utilizzate per aiutare il motociclista nel caso di situazioni di pericolo e a gestire manovre particolarmente complesse.

Dopo il progetto MotoBot di Yamaha, con il pilota androide alla guida, arriva ora da BMW la moto che fa tutto da sola. Ma, tranquilli, l'anima su una due ruote, saremo sempre noi motociclisti a metterla.  

Articoli che potrebbero interessarti