Tu sei qui

Una Ducati Supermono all'asta: base da 85.000 Euro

Uno dei 67 esemplari dell'opera di Pierre Terblanche, Massimo Bordi e Claudio Domenicali sarà battuto alla Las Vegas Motorcycle Auction

Moto - News: Una Ducati Supermono all'asta: base da 85.000 Euro

Share


Piccola peste. La Ducati Supermono, quando uscì nel 1993, fece subito parlare di sè. Dalla sua, questa frizzante monocilindrica, aveva stile inconfondibile, un motore dagli inediti contenuti tecnici e prestazioni che ancora oggi farebbero la gioia di fior di medie cilindrate.  

UN PO' DI TECNICA - La moto nacque per partecipare alle competizioni dedicate alle monocilindriche che tanto erano in voga nei primi anni '90,  per volere dell'allora Direttore tecnico di Ducati: l'ing. Massimo Bordi. Il regolamento per questo tipo di competizioni era abbastanza stimolante, con un unico vincolo fondamentale: la moto doveva avere un motore ad un solo cilindro. Una manna per tanti tecnici e preparatori. Nel 1993 il motore era pronto grazie anche alla supervisione dell'ing. Claudio Domenicali, l'attuale AD di Ducati.

L'unità era un mono con cilindro orizzontale e con cilindrata di 550cc, quattro valvole, distribuzione desmodromica, raffreddamento a liquido e iniezione elettronica. Ma la sua particolarità, inedita al periodo, era il sistema di abbattimento delle vibrazioni: una seconda biella era collegata da un lato all'albero a gomiti e, tramite una seconda bielletta, al carter motore dall'altro. Da qui il soprannome "batacchio". Questo schema riproduceva in pratica i modi di vibrare del bicilindrico di 90°, una configurazione decisamente favorevole in quanto a riduzione delle vibrazioni. Il motore venne inserito in un telaio a traliccio, e Pierre Terblanche gli cucì addosso una carena estremamente attillata. Le prestazioni dichiarate per il motore della Supermono parlavano di 75 CV a 10.000 giri/min per un peso di 118 Kg per una velocità massima di 220 Km/h. In seguito venne rivisto l'alesaggio che arrivò a 102 mm (prima erano 100 i mm) per una cilindrata di 570cc e una potenza di 81 CV a poco meno di 10.000 giri/min.  

Uno dei 67 esemplari realizzati dal 1993 al 1995 arriva ora all'asta. Tenuto in perfette condizioni verrà battuto da Bonhams il 24 gennaio alla Las Vegas Motorcycle Auction e fino a poco tempo fa in mostra presso il Vintage Motos Museum in Colorado. Stando a quanto dichiarato da Bonhams, questo esemplare non ha mai partecipato a gare, ad eccezione di qualche track day. Se ci state pensando la base di partenza per questa autentica rarità a due ruote è di 95.000 dollari (circa 85.000 euro).

Articoli che potrebbero interessarti