Tu sei qui

MotoGP, Lorenzo: Ducati troppo alta e grande, con la Honda piego meglio

"In curva mi da più fiducia, perché sei più vicino al terreno. E in pochi giorni me la hanno adattata, compreso un nuovo serbatoio"

Iscriviti al nostro canale YouTube


Undici anni in MotoGP, vincitore di cinque campionati del mondo (due in 250), con 282 gare alle spalle e a 31 anni. Jorge Lorenzo inizia una nuova sfida nel 2019 unendosi al team Repsol Honda. Poco più di due mesi prima dell'inizio della stagione in Qatar, il pilota spagnolo concede la sua prima intervista allo sponsor Repsol per analizzare le sue prime impressioni sulla Honda RC213V, e per parlare di cosa significa far parte della sua nuova squadra e delineare le sue ambizioni per l'anno.

Che ci puoi dire dei nuovi colori?
"Mi piacciono. I miei colori preferiti sono sempre stati il ​​bianco, il rosso e il nero, e ora possiamo aggiungere l'arancione. Sono colori che rappresentano il successo, con molte vittorie e molti campionati del mondo negli ultimi 25 anni. Sono molto orgoglioso di appartenere a questa famiglia e di poter contribuire a rendere la squadra ancora più forte".

Cosa significa per te appartenere al team Repsol Honda?
"Repsol Honda potrebbe essere la squadra di maggior successo nella storia. Hanno il maggior numero di vittorie e titoli. Per confrontarli con una squadra di calcio, sarebbero un Barça o un Real Madrid. Non esiste una squadra con più titoli e più importanza a livello mondiale di questa".

 
Cosa hai pensato la prima volta che hai provato la tua nuova moto?

"Nel 2018 ho guidato una moto completamente diversa, molto grande e molto alta. Forse era un po' troppo grande per me. La Honda mi si adatta meglio in termini di dimensioni. È più compatta, è una moto più piccola e più bassa, con la quale posso raccogliermi meglio. Mi sentivo un po' più fiducioso quando entravo in curva, perché più ti avvicini al terreno, maggiore è la tua sicurezza. La prima impressione è stata positiva e ho visto un sacco di potenziale".

Quando sei uscito dalla Honda per la prima volta, l'hai fatto con un grande sorriso. Cosa hai pensato quando sei entrato nel box della Honda?
"In quei momenti la tua espressione parla da sola. È tutto molto eccitante, molto nuovo e divertente. Inoltre, se il sentimento iniziale è buono, puoi dire ancora di più dalla tua espressione. Una delle cose che mi ha colpito di più è stata la reattività del Team Repsol Honda".

Sono già stati apportati cambiamenti tra i test a Valencia e Jerez. Di cosa si tratta?
"Una delle cose che mi ha colpito di più è stata la capacità della squadra di reagire, fornendo ciò che ho chiesto. Sono stato abbastanza chiaro, Honda ha preso nota di tutte le mie indicazioni e in pochi giorni avevano tutto pronto. Compreso un serbatoio del carburante quasi al cento per cento di mio gradimento".

Hai detto che avresti imparato da Marc Márquez, ma che avrebbe anche imparato da te. Cosa pensi che Marc possa offrirti e cosa puoi offrire a lui?
"Tutti i piloti hanno i propri punti di forza e le proprie debolezze. Anche Marc li ha. Cercherò di imparare dai suoi punti di forza, e credo che cercherà di imparare dai miei. Ci spingeremo l'un l'altro. Voglio batterlo e lui vorrà battermi, e questo farà crescera la squadra e aiuterà a progredire la moto".

Quest'anno il team Repsol Honda compie 25 anni e la compagnia petrolifera raggiunge 50 anni di sponsorizzazioni nello sport. Cosa significa questo per voi?
"Venticinque anni sono lunghi. Quando la Repsol ha iniziato a sponsorizzare il team Honda nel 1995, è stato quando io ho iniziato a guardare le gare motociclistiche in televisione. Ricordo le lotte tra Harada e il mio idolo Max Biaggi in 250cc, ma anche le lotte in 500cc tra Crivillé e Doohan, quando Rossi ha firmato per Repsol Honda e quando Nicky Hayden ha vinto il campionato del mondo nel 2006. È una squadra di grande successo, con molte vittorie e titoli mondiali, e ora avrò l'onore e il piacere di appartenervi. Penso che Angel Nieto sia stato uno dei primi sportivi sponsorizzato da Repsol. È stato il primo in Spagna e la persona che ha dato moltissimo al nostro paese. È incredibile che Repsol fosse già lì a supportarlo in quel momento".

La presentazione della squadra è il 23 gennaio a Madrid. È una giornata piena di aspettative?
"La presentazione sarà speciale per me. Penso che stia generando molte aspettative perché assieme io e Marc abbiamo dodici mondiali e molte vittorie. Soprattutto, c'è un sacco di talento e molta velocità all'interno della squadra più decorata della storia. L'aspettativa e l'ottimismo sono grandi. Ci divertiremo".

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti