Tu sei qui

MotoGP, 'Tagliando' di Natale in Ospedale per i piloti del Motomondiale

Marc Marquez, Jorge Lorenzo, ma anche Michele Pirro e pure Kevin Schwantz, la lista è lunga di coloro che sono finiti sotto i ferri in questi giorni

MotoGP: 'Tagliando' di Natale in Ospedale per i piloti del Motomondiale

Il lungo inverno delle due ruote è l’occasione per staccare la spina, concedersi un po’ di relax, ma allo stesso tempo fare il classico “tagliando” di fine stagione al proprio corpo in modo da essere pronti per la stagione che verrà. Ne sanno qualcosa alcuni piloti del Motomondiale, che in queste settimane sono stati costretti a scambiarsi il testimone tra cliniche e sale operatorie.

Il primo a finire sotto i ferri è stato Niccolò Antonelli, chiamato a rimuovere la placca a seguito della frattura alla clavicola sinistra, poi a fine novembre è toccato a Luca Marini, quando il 27 è entrato in sala operatoria per sistemare la spalla sinistra. Per un Marini che va c’è poi un Pirro che viene, perché l’indomani è toccato al pilota pugliese sottoporsi all’intervento diretto dal dottore Porcellini, presso la clinica di Modena, per risolvere il problema alla spalla destra a seguito della violenta caduta rimediata a inizio giugno al Mugello.

Il pilota di San Giovanni Rotondo ha deciso addirittura di anticipare i tempi, saltando i test di fine stagione a Jerez, in modo da essere al massimo della forma in vista dell’appuntamento malese a febbraio. A Sepang vorranno essere al top della forma anche Marc Marquez e Jorge Lorenzo, compagni di squadra in Honda e per qualche giorno anche d’ospedale.

Già, perché nella giornata di lunedì il maiorchino si è operato a Barcellona dopo la frattura rimediata a settembre al piede destro in occasione del Gran Premio di Aragona. Più complicata invece la questione legata alla spalla sinistra di Marc Marquez, che dopo l’intervento di ieri è atteso da ben sei settimane di riabilitazione. Finita qua? Non ancora, perché a chiudere il cerchio toccherà a Lorenzo Baldassari, il quale si recherà in sala operatoria il prossimo 13 dicembre per togliere la placca alla caviglia.

D’altronde gli infortuni fanno parte del gioco e anche un certo Kevin Schwantz ne sa qualcosa. Nonostante i 54 anni compiuti lo scorso giugno, lo statunitense non ha la minima intenzione di lasciare la moto da cross. Questa volta però gli è andata di sfortuna, dal momento che è dovuto entrare in sala operatoria per sistemare il proprio piede destro. Che dire, buon recupero anche lui!

   

 
 
 
Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti