Tu sei qui

MotoGP, Rossi scherza: "vincere al Ranch ha salvato la mia stagione"

Valentino trionfa nella 100 Km insieme a Morbidelli: "so che mi darà filo da torcere sulla Yamaha. Lewis Hamilton? Lo invito a girare con me"

MotoGP: Rossi scherza: "vincere al Ranch ha salvato la mia stagione"

Non c’è nulla di meglio che andare in vacanza con una vittoria e tanta adrenalina che pulsa nelle vene e oggi Valentino ha avuto entrambe le cose. La 100 Km dei Campioni che organizza ogni anno nel Ranch a Tavullia non è un GP, ma i piloti ci mettono lo stesso impegno e forse ancora più aggressività del solito per non essere battuti. Rossi, in coppia con Morbidelli, hanno trionfato, grazie anche un errore di Pasini negli ultimi giri a causa di un incomprensione con un doppiatto.

Questa è una vittoria importante perché né io né Franco abbiamo vinto molto quest’anno, passare da nessuna a una fa una bella differenza! E poi potremo prendere in giro Paso e Balda per un anno intero” scherza il Dottore prima di mettersi una collana di salami al collo, il premio per la vittoria.

Non vi siete fatti sconti, hai preso anche una brutta botta a un ginocchio…
“Mentre ero in lotta con Pasini ho sbattuto contro uno dei paletti che delimitano la pista, ho sentito il ginocchio girarsi e molto dolore. Ho deciso però di finire la gara e, con l’adrenalina, non provavo troppo fastidio nella guida. Vedremo come mi sentirò fra un’ora, spero non sia nulla di grave”.

Per essere una gara fra amici, non vi siete risparmiati…
L’aggressività serve a crescere e a migliorare, oggi Franco e Baldassarri lo hanno fatto vedere. Ogni tanto non è facile gestirla, capita di esagerare un po’, ma è stata una gara bellissima. Io e Morbidelli venivamo dati come favoriti, invece Mattia e Lorenzo erano leggermente più veloci di noi, nonostante tutto abbiamo vinto”.

Morbidelli oggi era un tuo alleato, pensi mai che il prossimo anno possa diventare un avversario pericoloso?
Conosco Franco da un po’ di anni ed è uno di quei piloti che in allenamento mi dà sempre filo da torcere, ogni tanto la spunta l’uno altre volte l’altro. Il suo esordio sulla Yamaha è stato impressionante”.

Qual è la sua opinione della M1?
Gli è piaciuta molto, perché la Yamaha è una moto amica dei piloti. Però, anche secondo lui, dobbiamo trovare maggior grip”.

È più vicino alla tua opinione che a quella di Vinales?
“Secondo me il carattere della M1 con il nuovo motore non è cambiato, i problemi sono rimasti gli stessi. Maverick, come sempre nei test, è andato molto forte, ma io dico semplicemente quello che penso”.

A proposito di rivali, come giudichi il debutto su Lorenzo sulla Honda?
A Valencia ha faticato un po’, ma a Jerez l’ho vista già a posto. In Malesia sarà nelle prime posizioni”.

Negli scorsi giorni invece, a Jerez, Hamilton ha provato una R1…
Lewis è un grande appassionato di moto, ci scambiamo spesso dei messaggi. Mi dice sempre che noi motociclisti siamo i veri piloti, ma esagera. È normale per i piloti di F1 subire il fascino delle moto e viceversa, sono discipline simili ma molto diverse”.

Hamilton ha spesso detto che sei il suo pilota preferito…
Lo ringrazio, penso di essermelo meritato con tutti questi anni di carriera (ride). Comunque Lewis deve venire qui al Ranch, cercheremo di organizzarci”.

Potrà scoprire il segreto della tua eterna giovinezza, cosa significa per te questo posto?
“La VR46 Riders Academy è importante per me, perché allenarsi da soli è pesante, ma farlo con altri piloti è più divertente e rappresenta una sfida. Tutto questo serve anche a me, perché mi mantiene giovane”.

Ti diverti ancora a correre?
Certo, ma qui è tutto più facile perché puoi solo pensare a divertirti senza avere pressione. In MotoGP andare in moto è l’ultima cosa, prima ci sono i viaggi, gli impegni con gli sponsor, tante attività noiose, compreso parlare con i giornalisti (ride)”.

Come ti immagini la prossima edizione della 100 Km?
Cercheremo di avere più grandi nomi in futuro, purtroppo quest’anno in molti hanno avuti degli impegni e non sono riusciti a venire. Purtroppo non abbiamo tanto tempo a disposizione per organizzare ogni cosa, ma possiamo fare meglio”.

Articoli che potrebbero interessarti