Tu sei qui

MotoGP, Rins: “La Suzuki è più dolce e meno aggressiva col nuovo motore”

Alex: “Abbiamo provato anche il nuovo telaio, riesco ad essere più competitivo nelle curve lente rispetto a quelle veloci, ma servono ulteriori comparazioni”

MotoGP: Rins: “La Suzuki è più dolce e meno aggressiva col nuovo motore”


Vietato farsi trarre in inganno dal tredicesimo tempo siglato a fine giornata da Alex Rins. Sarà anche vero che il distacco dello spagnolo dalla vetta supera il secondo, ma in questa prima sessione di test a Jerez l’alfiere Suzuki non aveva come priorità la ricerca del crono a tutti i costi. Tanto lavoro infatti sul materiale portato in pista dalla Casa giapponese in modo da schiarirsi le idee.

Abbiamo provato diverse novità, tra cui il motore già utilizzato a Valencia e il telaio – ha commentato Rins -  ci siamo poi concentrati anche sull’elettronica. Per la giornata di giovedì faremo alcune comparazioni di motore tra quello precedente e l’attuale in modo da essere sicuri nel fare la scelta giusta”.

Trapela però una certa fiducia da parte di Rins.

“Sono entusiasta per quanto riguarda la sensazioni che ho avvertito e allo stesso tempo del passo mostrato. Siamo infatti riusciti a compiere un passo avanti rispetto a Valencia. In curva col nuovo telaio siamo competitivi, anche se in quelle veloci forse accusiamo qualcosa rispetto a quelle lente. Come ho detto dovremo fare nuovi confronti mercoledì, ma le sensazioni sono buone”.

Rins entra poi nel dettaglio.

“Oggi sulle due moto avevo il nuovo motore – ha sottolineato - abbiamo migliorato rispetto a Valencia, anche perché in quell’occasione la moto era aggressiva. Oggi invece la Suzuki ha mostrato di avere un motore più dolce, ma comunque potenze. Abbiamo solo bisogno di continuare a lavorare per crescere. Quest’anno, rispetto allo scorso, ci sono più cose da provare e di conseguenza servirà più tempo per avere le idee chiare. Torneremo quindi in pista domani, provando la moto vecchia col telaio vecchio per poi comparare il tutto con le ultime novità”.

Articoli che potrebbero interessarti