Tu sei qui

MotoGP, Pirro: peccato aver finito ad un solo secondo dal podio

Michele è arrivato quarto nella sua terza wild card 2018: "dopo la caduta del Mugello, è bello finire la stagione così. Questo weekend sarà utile per il 2019"

MotoGP: Pirro: peccato aver finito ad un solo secondo dal podio

Oggi Michele Pirro ne ha vissute di tutti colori, praticamente come Pol Espargarò.

Per il pugliese era la terza wild card stagionale in sella alla Ducati Desmosedici GP del team sviluppo, dopo quelle del Mugello e di Misano.Se in Toscana è finita male - a causa del terribile volo avvenuto prima della staccata della San Donato - con tanto di ricovero in ospedale, in Romagna è andata meglio, con un quindicesimo posto finale ed un punto portato a casa. Pirro, però, sapeva di poter di più e a Valencia lo ha dimostrato.

Se Espargarò è scivolato per poi riprendere e conquistare un bellissimo terzo posto, il quarto di Michele non è da meno, dato che Pirro è caduto sotto la pioggia battente, ha reagito rialzandosi e rimettendosi in sella:quella di oggi è stata una gara davvero strana e difficile - ha detto Michele - nella prima frazione sono finito a terra dopo una scivolata e, con la moto danneggiata, pensavo fosse finita lì. Invece, sono riuscito a fare ancora qualche passaggio”.

L’interruzione è arrivata come una manna dal cielo per il numero 51: “la bandiera rossa ha fermato tutto - spiega - dandomi la possibilità di usare la seconda moto; dopo la seconda partenza, il mio Gran Premio ha iniziato ad essere bello per me, specialmente nei passaggi finali, quando ho visto la possibilità di centrare un risultato da podio. Avevo un bel ritmo, peccato aver finito ad un solo secondo dal podio”.

Niente podio, ma ci sei andato vicino.

“Non ce l’ho fatta, ma sono finito davvero vicino ai primi tre classificati, Dovizioso, Rins e Pol Espargarò. Dopo il terribile volo del Mugello, questo è un buon modo di finire la stagione: Andrea ha vinto il Gran Premio, sono davvero felice per lui e per tutto il team Ducati, il secondo posto in campionato è un risultato meritato”.

Da settimana prossima è già 2019.

“In questo weekend abbiamo immagazzinato tantissime informazioni utili per la prossima stagione, settimana prossima il 2019 avrà già inizio con la moto evoluta e penso che Ducati stia lavorando molto bene. Sarà importante continuare su questa strada, passo dopo passo, per ridurre il gap da Honda e Yamaha, nelle piste in cui soffriamo. Sarà fondamentale continuare positivamente ciò che stiamo facendo”.

 

 

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti