Tu sei qui

MotoGP, Zarco: “Senza la caduta potevo essere in prima fila”

Johann amareggiato per la qualifica: “Forse la gomma era troppo fredda e sono finito a terra per quel motivo”

MotoGP: Zarco: “Senza la caduta potevo essere in prima fila”

Potevano essere ben due le Yamaha in prima fila a Valencia, invece le ambizioni di Johann Zarco sono svanite sul più bello. Già, perché dopo aver acceso ben due caschi rossi, il pilota francese è scivolato alla curva dieci, concludendo in anticipo il turno. Domani, alle ore 14, scatterà dall’undicesima casello sullo schieramento.

Penso sia stata una giornata comunque positiva – ha commentato l’alfiere Tech3 - nella FP3 abbiamo svolto un ottimo lavoro con la squadra e sono riuscito a gestire bene il turno per l’accesso diretto alla Q2. Ero molto entusiasta della prestazione, dato che mi ha regalato fiducia, nonostante le condizioni meteo non fossero il massimo”.

L’attenzione di Zarco si sposta poi sulla qualifica.

Nel pomeriggio abbiamo avuto condizioni di asciutto – ha ricordato – inizialmente non avvertivo le sensazioni che volevo, poi dopo alcuni cambiamenti sulla M1 la situazione è migliorata. Riuscivo infatti a controllare meglio la moto e spingere”.

Alla fine però ci si è messa di mezzo la caduta.

“Peccato, perché ero veloce e la prima fila era alla nostra portata – ha commentato – forse la gomma era ancora troppo fredda e non in temperatura. A questo punto mi concentro sulla gara, dove me la giocherò fino all’ultimo con Rins e Petrucci in ottica Campionato”.

 

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti