Tu sei qui

MotoGP, Lorenzo: "La mano è peggio di quanto pensassi"

"Sento dolore in frenata e non posso guidare in modo aggressivo, ma correrò di sicuro. Per il primo test sulla Honda non mi aspetto di stare meglio"

MotoGP: Lorenzo: "La mano è peggio di quanto pensassi"

Per Lorenzo sarà un altro fine settimana difficile, ne ha avuto la conferma appena salito sulla sua Ducati. La mano infortunata in Thailandia e operata qualche settimana dopo non è ancora guarita e su una MotoGP il dolore si fa sentire.

Correrò, lo assicuro al 100%, almeno che non cada e mi faccia nuovamente male” assicura scherzando, ma non potrà guidare per l’ultima volta la Desmosedici come avrebbe voluto. Nonostante la pioggia, il maiorchino è limitato e il 19° tempo nelle FP1 e il 15° nel turno del pomeriggio ne sono la riprova.

Sicuramente va peggio rispetto a quello che mi aspettavo - spiega Jorge - La mano è migliorata molto, ma non sono ancora nelle condizioni che pensavo. Nella vita di tutti i giorni non ho problemi, ma guidare una MotoGP è tutta un’altra cosa”.

La pioggia ti è di aiuto?
Mi salva un po’, perché sul bagnato si forza meno, dall’altra parte è anche più facile fare un errore e cadere, è una situazione più pericolosa in quel senso. Ci sono aspetti positivi e altri negativi”.

Influisce sulle tue motivazioni anche il fatto che martedì salirai per la prima volta sulla Honda?
Io vorrei essere in piena forma, correre sull’asciutto e fare una bella gara, ma non sarà così. Sicuramente sulla pioggia ci saranno piloti che avranno più possibilità di ben figurare sul bagnato, ma io sono in una situazione non facile”.

Qual è il problema più grande?
Sento dolore in frenata e non posso guidare in modo aggressivo, devo essere morbido nei movimenti. Domani aumenteremo la dose degli anti-dolorifici e potrò usare maggiori energie”.

Sarai limitato anche per il tuo primo test sulla Honda…
Ci penserò martedì, mancano pochi giorni e non penso che potrò migliorare più di tanto. Penso che sarò in una situazione molto simile a quella in cui mi trovo adesso”.

Categoria: 

Articoli che potrebbero interessarti