Moto2, Marini: per il mondiale servirà la costanza di Valentino

"Dobbiamo provare la nuova moto per capire, ma voglio essere della partita. Mi piacerebbe invitare Messi al ranch e farlo girare con noi"

Share


Lo chiamano “Il russo” per la sua freddezza, che spesso declina in precisione, ma Luca Marini è molto più di questo. Il portacolori dello Sky Racing Team VR46 ne ha fatta di strada, è cresciuto tanto negli anni trascorsi nel Mondiale sino a conquistare, domenica scorsa, la sua prima vittoria in Moto2. Un traguardo che comunque non lo scompone, da buon “Russo” ovviamente. “Non avevo nessun peso addosso prima della vittoria – spiega – e penso quest’anno di aver fatto una buona stagione in crescendo, come quella che volevo fare ad inizio anno. Non è stata un’annata fortunata visto l’infortunio iniziale, ed infatti sono un po’ indietro in classifica, ma ho recuperato sino al settimo posto e sono soddisfatto”.

Dopo la vittoria del titolo di Bagnaia, molti si aspettano lo stesso da te. Tu che ne pensi?

“Più che aspettarselo gli altri, lo voglio fare io. Sono sicuro che ripetendo l’ottimo lavoro di quest’anno potremo toglierci delle belle soddisfazioni, poi però per vincere un titolo devono andare bene diverse cose, non è come vincere una gara. Ci vuole costanza, occorrerà partire bene anche se la moto sarà nuova, ci saranno tante cose da fare ma sono pronto a farle, sono concentrato anche se prima voglio chiudere al meglio la stagione. Il team è un'ottima struttura, quest’anno non ci siamo fatti mancare nulla ed eravamo sempre pronti, così come dovremo essere il prossimo anno”.

Serve una costanza simile a quella mostrata quest’anno da tuo fratello, sei d’accordo?

“Assolutamente. La costanza è quello che fa la differenza in un campionato: sono vari gli esempi di piloti che hanno vinto un titolo vincendo solo poche gare o nemmeno una, che è una cosa strana a prima vista dato che per me dovrebbe vincere il titolo chi vince più gare. Ad ogni modo bisognerà portare a casa più punti possibili ad ogni gara, e dove ti senti forte tentare di vincere. Per Pecco quest’anno questo è stato fondamentale, dato che dove non era al top è riuscito a portare a casa punti pesanti”.

Se potessi rubare una dote a Pecco, quale sarebbe?

“Penso proprio la costanza. Quest’anno ho lavorato molto su questo e penso di aver raggiunto un ottimo livello, specie nella seconda parte di stagione. Se guardiamo i dati Pecco ha concluso tutte le gare in Moto2 e questo non è poco, è stato sempre bravo a portare a casa punti ed esperienza. Quando combatti con piloti forti immagazzini esperienza, e questo processo è più veloce se vedi sempre la bandiera a scacchi”.

Parlando del prossimo anno, sarà sfida Marini contro Marquez? Un po’ come Rossi contro Marquez…

“Sarebbe bello essere solo in due a giocarsi il mondiale! Guardando la classifica di quest’anno direi che è Binder il favorito, dato che chiuderà terzo la stagione. Cambieranno tante cose il prossimo anno, quindi è difficile fare nomi adesso: prima dobbiamo fare i test con le nuove moto, ma sicuramente voglio essere nei quattro o cinque che si giocheranno il titolo. Ci sono poi i piloti al debutto da tenere d’occhio, come Bezzecchi e Martin. Sarà un campionato interessante”.

Se dovessi scommettere, lo faresti sul primo titolo di Marini o sul decimo di Valentino?

“Lasciamo i soldi sul comodino e basta, non scommettiamo (sorride). Sono difficili entrambe le cose, magari vediamo quello che paga di più e scommettiamo su quello, almeno vinciamo di più in caso. Non sono un grande amante delle scommesse, ho scommesso un paio di volte sul calcio”.

A proposito di calcio, l’anno scorso hai ricevuto la maglia di Totti, ex capitano della squadra per cui tifi. Quale altra maglia vorresti nel tuo armadio?

“Mi piacerebbe quella di Messi. Secondo me è il più grande talento della storia ed è uno spettacolo vederlo giocare. Magari lo invitiamo al ranch e lo facciamo girare un po’, e poi facciamo una partita di calcio (ride). in ogni caso decide Vale, al ranch è lui il boss”.  

Share

Articoli che potrebbero interessarti