Tu sei qui

Moto elettrica sempre più su: regina del prossimo futuro

Un tempo snobbate sono sempre più protagoniste. Ad EICMA scooter, ma anche moto sportive, da corsa, custom e le sempre più accattivanti E-Bike

EICMA: Moto elettrica sempre più su: regina del prossimo futuro

Fino a tre quattro anni fa le proposte in campo elettrico, diciamolo, erano viste quasi come uno spettacolo di contorno. Di fronte a cilindri e centimetri cubi, i "mezzi a batteria" erano trattati dai più alla stregua dei giocattoli della infanzia. Ma, come spesso accade il tempo, nel loro caso, è stato galantuomo. Oggi parlare di moto elettrica, se a molti fa ancora risalire rigurgiti, per una  sempre più nutrita avanguardia di appassionati, diventano mezzi da prendere in considerazione. E al Salone del Ciclo e Motociclo di Milano di quest'anno si confermano grandi protagonisti.

I numeri del mercato tra l'altro, iniziano a diventare interessanti: per quanto riguarda i ciclomotori elettrici si è avuto un salto a doppia cifra in diversi paesi europei e solo in Italia si è passati da 191 a 310 unità (+58%), in percentuale rappresentano l’8% del segmento dei ciclomotori tradizionali. Per quel che riguarda le moto e scooter "oltre 50 cc" la crescita è stata dal 2017 al 2018 ancora superiore passando 47 a 146 unità immatricolate (+210%). Ed i fari ed i veli che agli eventi che in questo giorni turbinano ai padiglioni di Milano mostrano sempre più moto che guardano ad un domani ad emissioni "0". 

SI AVANZA A GRANDI PASSI - EICMA 2018 ha mostrato la forte crescita di questo nuovo tipo di mobilità, non solo urbana. Una icona come Vespa ha ufficialmente debuttato su strada, con i primi test ride per i clienti partiti addirittura dallo stand della Gruppo Piaggio oltre che dal Motoplex di Milano, senza dimenticare competitor come Kymco. Proprio dalla casa coreana è arrivato il concept della sportiva del futuro, con la aggressiva SuperNEX, una SBK replica con tanto di telaio doppio trave in alluminio. Un progetto che alza l'asticella anche sul fronte del design, con un mezzo che unisce il mondo del motore a scoppio a quello dell'elettrico anche nelle forme che, diciamolo, spesso non erano proprio esaltanti con modelli forse un pelo eccessivi. Elettrico è anche corse con Yamaha, con il suo trial TY-E, o Energica con la moto pronta a debuttare nel mondiale MotoE. E se anche case come Harley, con la sua LiveWire o come Ducati che propone in listino una E-bike, altro trend in forte ascesa, e non esclude una proposta che presto o tardi arriverà sulla moto, significa che il mondo delle due ruote è vicino alla svolta. 

Da piccoli si sognava il 50ino che spara fumi e cavalli, pochi ma che facevano sognare, ora forse per le attuali generazioni e le prossime il sogno sarà una moto che "ronza", con buona pace del caro vecchio pistone che tante gioie ha regalato ma che sta piano piano lasciando il posto a qualcosa di diverso. Il rombo di un motore fa ancora e farà battere il cuore, ma bisogna prendere atto di ciò che inevitabilmente sta cambiando: il futuro sarà sempre più in mano a quei piccoli atomi che scorrono tra i conduttori prendendo vita da generatori e celle al litio. 

Articoli che potrebbero interessarti